TEST: Palm Treo Pro

MobilityWorkspace

Navigatore Gps con software integrato, Hsdpa e pulsante dedicato per la connettività WiFi non bastano per distinguersi tra le proposte del mercato

Le prime impressioni a volte sono le più importanti, ma altre volte ingannevoli. E così a colpo d’occhio Treo Pro (60x 114x 13,5 mm, peso133 g), non fa pensare a nulla di particolare. In pratica, non ci sono sorprese nel form factor di questo smartphone professionale adatto anche per divertirsi. Sotto il display touchscreen TFT da 320×320 pixel (quadrato) sono affogati nella scocca nera del Pro i quattro pulsanti classici sui dispositivi Windows Mobile 6.1. E in mezzo il pulsante Centro, con jog shuttle a quattro vie.

treo_principale.png

Il tasto del menu Start e Ok sono fin troppo a ridosso di quelli inferiori. La tastiera è abbastanza comoda da usare, ma soprattutto consente l’accesso rapidoai caratteri speciali

Sui bordi due bottoni (verde e rosso) per avvio e chiusura delle chiamate.

Sotto di questi c’è la tastiera Qwerty, con la tipologia di tasti già utilizzata per Palm Centro: piccoli, ma utilizzabili anche da chi ha le dita grandi (quasi) sempre senza incorrere in errori di digitazione. Caratteristica invidiabile della tastiera è la semplicità con cui si possono rintracciare tutti i caratteri (accentate, simboli e così via), grazie al pulsante bianco e al tasto Alt (non tutti gli smartphone ce l’hanno). Le soluzioni ergonomiche apprezzabili non si fermano qui. Sul bordo superiore a fianco del tasto di accensione c’è quello per mettere il dispositivo in modalità silenziosa, senza inutili ricerche tra i menu. Dispiace solamente che questo stato non sia notificato in nessun modo dal dsiplay. E sul fianco destro è comodo ritrovare il comando per attivare e disattivare prontamente la connessione WiFi.

palmtreowifi.png

CommManager ha un’interfaccia intuitiva, che richiama vagamente quella di attivazione e disattivazione di alcuni menu dell’iPhone

Si poteva fare meglio? Comunque sì. Perchè il tasto non disattiva le connessioni di traffico dati tramite l’operatore, ma solo il WiFi. Sappiamo che con WinMobile il fatto di chiudere un programma non presuppone anche la chiusura della connessione dati e sarebbe stato molto utile avere a portata di mano un sistema rapido per farlo (anche considerate le tariffe attuali degli operatori). I tasti Start e Ok inoltre sono troppo a ridosso di quelli inferiori (Calendario e Email), mentre le due voci alla base dello schermo sono selezionabili solo dal touchscreen. Piccole mancanze a cui ci si abitua, ma non dovrebbe essere così. I tasti sul lato sinistro servono per il controllo del volume e quello più in basso per l’attivazione della fotocamera. Conclude la rassegna delle interfacce fisiche la presa del connettore micro USB 2.0 e quella per il minijack (separata per fortuna), in modo da poter ascoltare la musica e tenere attivi gli auricolari anche mentre si ricarica il dispositivo (Htc prevede invece una presa unica, più pratica ma con qualche limite in più).

treogps.png

Ecco come si presenta Weraska, il software per navigare in dotazione su Palm Treo Pro in versione di prova

Palm Treo Pro è mosso da un processore Qualcomm MSM7201 da 400 MHz. Non brilla per velocità, ma i tempi di attesa sono nella media per WinMobile. Sono disponibili 100 MB per l’utente (espandibili tramite schedina microSD il cui inserimento è svincolato dalla rimozione della SIM e della batteria, ma si deve comunque aprire il dorso), la memoria complessiva è di 256 MB e la RAM è di 128 MB. L’apparato radio è 3,5G (Hsdpa), GSM quad-band. WiFi 802.11 b/g e Bluetooth versione 2.0 EDR sono supportati. Palm Treo Pro incorpora il ricevitore GPS assistito ed è dotato di fotocamera da appena 2 Megapixel con zoom digitale fino a 8x e modalità di ripresa video.

Il ricevitore GPS è utilizzabile attivando in versione di prova per 14 giorni il software Webraska 7.5, ma anche con Google Maps gratuitamente (a parte i costi di connessione per scaricare i dati). Webraska è un’applicazione sobria, ma anche molto intuitiva. E’ già preinstallata sullo smartphone. La navigazione con il GPS di Treo Pro non offre nulla di particolare rispetto a quella possibile con altri smartphone, è vero che Webraska però facilita i compiti di base. Per esempio nel caso in cui si voglia raggiungere in automobile un contatto tra quelli già memorizzati. La velocità di aggancio del segnale a freddo durante la nostra prova è stata però deludente, abbiamo deciso di ricorrere all’utilizzo di GPSRapido, che però richiede la connessione GPRS con l’operatore.

Palm non ha deciso di personalizzare con ‘effetti speciali’ l’interfaccia di Windows Mobile. E a noi non è dispiaciuto. Sullo smartphone si trovano comunque pronti da scaricare Get WorldMate (per l’acquisizione dei biglietti da visita), Sprite Backup per mettere in sicurezza i propri dati e ovviamente tutti i software previsti dalla versione Pro di WinMobile (quindi anche la suite di Office Mobile).

La batteria ricaricabile agli ioni di litio da 1500 mAh, dovrebbe consentire fino a 5 ore di autonomia in conversazione e 250 ore in standby, ma basta una ricerca del segnale Gps prolungata o l’attivazione della connessione WiFi per ritrovarsi presto a cercare una presa per ricaricare.

treo_confezione.png

Fatto salvo l’adattatore per le prese elettriche UK, la confezione è sobria.Nella documentazione non sono previsti Cd-Rom, e non abbiamo rinvenuto nemmeno un manuale d’uso completo, ma solo la guida rapida

Palm Treo Pro nel complesso non delude, ma allo stesso tempo non abbiamo trovato nulla di particolarmente entusiasmante, tale da poter convincere a scegliere questo tra tanti altri dispositivi simili. Non ci ha aiutato nemmeno il prezzo di 500 euro, perfettamente allineato con quello di altri smartphone che a volte presentano caratteristiche anche superiori, o display più ampi. Anche Palm (come già Hp nel PdaPhone Data Manager) non ha pensato, per esempio, a inserire un software per i feed RSS, sempre più utilizzato soprattutto dai professionisti.

La confezione comprende la dotazione minima indispensabile. La connessione tra caricatore e cavo per il device è USB, probabilmente potrete utilizzarlo anche per altri terminali. Non è in dotazione alcuna custodia, né pellicole per proteggere il display, né stilo di ricambio. La scatola relativamente voluminosa comprende invece cuffie e anche adattatore per le prese del Regno Unito. Nessun CD in dotazione, ma solo una breve guida introduttiva.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore