Tiscali porta la banda ultra-larga in Sardegna con la cinese Zte

CloudManagementMarketingNetworkReti e infrastruttureServer

Con la cinese Zte Tiscali riparte dallo sviluppo di una rete Fiber to the Home in Sardegna

Mentre le reti Ngn oscillano fra censimento, il piano da un miliardo di Vodafone e una NewCo per la banda ultra-larga (proposta dal presidente dell’Antitrust), Tiscali vola a Piazza Affari sull’onda del contratto siglato con i cinesi di Zte.

Tiscali porterà la banda larga in Sardegna con i cinesi di Zte. La partnership strategica intende scalare la marcia alla diffusione della banda ultra larga in Italia. Tiscali riparte dallo sviluppo di una rete Fiber to the Home in Sardegna. Per la fibra ottica nell’isola saranno sfruttati i condotti del gas in costruzione. Soru volerà sabato in Cina per perfezionare l’accordo: “Tiscali è pronta per dotare l’Italia di un cuore tecnologico“.

I collegamenti ottici in modalità Fiber to the Home (FTTH) sono basati su un’architettura di tipo FTTH punto a punto come modello tecnico a prova di futuro che permetta a sua volta un modello operativo e di business semplice e paritario. Spiega eWeek Europe: “Mentre con una soluzione FTTH punto a punto la banda disponibile all’utenza è illimitata , nel modello tecnico G-PON la banda disponibile non supererà 1 Gbps“.

Secondo Stefano Quintarelli, cablare in fibra ottica tutta Italia costerebbe circa 20 miliardi di euro: come 320km della autostrada pedemontana, oppure come 15 portaerei Cavour, oppure come 350km della TAV Milano-Torino.

Renato Soru, Tiscali
Renato Soru, Tiscali
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore