Tlc, i diritti degli utenti si fanno valere

NetworkProvider e servizi Internet

Le spese di spedizione della bolletta non devono essere a carico degli utenti

La bolletta telefonica della rete fissa può tirare due sospiri di sollievo: l’Autorità Garante delle Comunicazioni ha deciso che non è lecito far pagare agli utenti le spese di spedizione della bolletta. Quello 0,37 euro più Iva a bolletta va eliminato. Telecom ricava circa 43,3 milioni di euro all’anno, su tutte le linee, da quei costi di spedizione bolletta.

Inoltre la Corte di Cassazione ha sancito che un operatore non ha diritto a staccare la linea all’utente nei casi in cui non riceva comunicazione dalla banca dell’avvenuto pagamento della bolletta.

In caso di disguido, è Telecom, e non l’utente, a dovere accertarsi che la banca abbia pagato, anche senza aver ricevuto comunicazione dell’avvenuto pagamento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore