Top Spin

Management

Tenere il servizio non basta… ma di sicuro aiuta.

Forte del successo avuto su Xbox, Top Spin approda anche al formato PC, con la fama di essere la migliore simulazione tennistica attualmente in circolazione. Il titolo in effetti è valido e il merito maggiore è quello di riprodurre in modo verosimile gli elementi caratteristici della disciplina sportiva cui si ispira. Non aspettatevi allora frecce che indichino la direzione e la forza dei tiri e cerchi colorati che segnino il punto di atterraggio della pallina: Top Spin è una simulazione pura e non un arcade (termine che distingue le proposte in chiave domestica dei giochi da bar). Il difetto principale del titolo è che sembra una brutale trasposizione della versione Xbox, realizzata con poco riguardo per quelle che sono le caratteristiche dei PC. Tanto per fare un esempio: nei menu non si può utilizzare il mouse; per spostarsi tra le opzioni e persino per scrivere il nome del proprio giocatore si devono usare i tasti freccia per muoversi tra le lettere visualizzate sullo schermo. Se poi volete interrompere una partita in corso, il programma vi costringe a uscire dal gioco, piuttosto che riportarvi al menu principale e i salvataggi in modalità carriera non sono propriamente comodi. Sul versante grafico il gioco è ben fatto, ma non è ovviamente paragonabile agli ultimi sparatutto. D’altro canto i requisiti hardware non sono eccessivi. Il vero punto di forza di Top Spin sta nell’eccellente intelligenza artificiale e nelle ottime possibilità di personalizzazione del proprio alter ego offerte dalla modalità Carriera: prima di cominciare a scalare le vette delle classifiche ATP con il vostro tennista, infatti, potrete determinarne aspetti fisici e caratteristiche atletiche, optando tra le tre impostazioni base Potente, Tecnico, o Rapido. Vincendo i vari incontri vedrete migliorare anche le vostre percentuali statistiche. Il livello di difficoltà dei match è notevole e quando ci si imbatte in avversari titolati, come Pete Sampras (il database degli atleti è fermo alla data di uscita della versione Xbox), le cose si fanno dure. Il titolo prevede anche una modalità multiplayer (attraverso il network Gamespy), con cui si possono utilizzare soltanto atleti creati in modalità Carriera, ma conservando tutti i punti statistica guadagnati come Giocatore singolo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore