Torvalds replica alle accuse di Microsoft

Workspace

Le dichiarazioni di Microsoft andranno provate in tribunale per evitare un
danno di fiducia verso il suo sistema operativo

IL PRIMO SVILUPPATORE di Linux, Linus Torvalds, ha reagito con rabbia a Microsoft che lo accusa di aver violato brevetti di sua proprietà . Torvalds ha detto che le dichiarazioni di Microsoft andranno provate in tribunale per evitare un danno di fiducia verso il suo sistema operativo. Secondo l’Information Week, Torvalds vuole anzitutto sapere quali sarebbero i brevetti violati, in modo che la verità venga alla luce in sede legale. Ha detto che è molto più probabile che sia stato Windows a violare dei brevetti piuttosto che Linux. Secondo Torvalds se il codice sorgente di Windows potesse essere soggetto ad analisi nello stesso modo critico di quello di Linux, si scoprirebbe che Microsoft ha violato brevetti di molte altre società. Ha detto che la teoria base dei sistemi operativi risale alla fine degli anni ’60 e molti dei brevetti fondamentali erano di proprietà di IBM e sono scaduti da molto tempo. Facendo i nomi dei brevetti che Linux avrebbe violato i responsabili di Microsoft renderebbero chiaro a tutti che tali violazioni o non esistono del tutto o possono essere facilmente aggirate con operazioni di programmazione banalissime. Per questo Microsoft ha finora rifiutato di farlo. Altre informazioni le trovate qui .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore