Tra marzo e aprile calano i navigatori italiani

Workspace

La contrazione è dovuta ai lunghi ponti di aprile. Rispetto al 2007 si è verificata comunque una crescita annuale degli utenti della rete italiana del 12%

Ventitre milioni sono gli italiani che hanno navigato almeno una volta su Internet, nel mese di aprile. Ma il dato segna una flessione del 4% sul mese di marzo, forse a causa dei lunghi ponti del 25 aprile e antecedente il primo maggio. Secondo Audiweb, il totale dei navigatori di aprile è arrivato a 24,2 milioni.

In media ciascun navigatore si è collegato 31 volte ed è rimasto connesso per poco più di 21 ore nel mese, visualizzando 1.540 pagine. Rispetto al 2007 si è verificata comunque una crescita annuale degli utenti della rete italiana del 12%.

Se gli accessi da casa sono calati , nessun declino si è verificato in ufficio.

I navigatori domestici sono stati 17 milioni (-6% rispetto a marzo), il tempo speso online per persona poco più di 13 ore (un’ora e mezzo in meno) e le pagine viste circa 1.000 (120 in meno).

Dall’ufficio invece il calo dell’utenza è stato più lieve (9,7 milioni, -2%) mentre sono aumentati i consumi del mezzo : il tempo speso online per persona si è avvicinato alle 27 ore (quasi 2 ore in più rispetto a marzo), le sessioni sono state 38 (3 in più) e le pagine viste 1.850 (75 in più).

I siti di web 2.0 (video online, tool di ricerca, siti per la gestione e lo scambio di foto online, comunità e blog, instant messenger) hanno guadagnato dai 1,1 milioni di utenti in più per i siti di foto fino ai 2,8 milioni di utenti sui siti di video e cinema. Sulla scia elettorale, i partiti politici complessivamente hanno raccolto 1,7 milioni di utenti unici in crescita del 55% su marzo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore