Tredici paesi Ue antispam

NetworkProvider e servizi Internet

L’allarme spam arriva a minacciare il 95% delle email. La Ue corre ai ripari

L’associazione antispam Spamhaus ha dichiarato che le email spazzatura rappresenteranno presto il 95% della posta elettronica in circolazione, grazie all’evolversi dei software di spamming. Provider Isp zombie potrebbero moltiplicare lo spamming in maniera esponenziale. Ma l’Unione europea non vuole diventare terra di invasione di spamming e junk email. Così le autorità di 13 paesi, compreso il Garante per la privacy italiano, oltre a Spagna , Irlanda, Belgio, Austria, Francia e Grecia, si alleano in queste ore per fare fronte comune contro l’imminente pericolo. Scambio di informazioni e cooperazione in indagini transnazionali sono gli strumenti giuridici a disposizione delle 13 autorità Ue. Ma riuscrirà il fronte legale a fermare Pc zombie che moltiplicano lo spam? Ai posteri l’ardua sentenza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore