TrendMicro: malware in aumento del 600%

firewallSicurezza

In un solo anno l’incremento è impressionante. A spingere la diffusione di virus sono motivazioni economiche

Trend Micro ha rilevato 1.485 nuovi programmi pericolosi nel corso del mese di settembre. Nello stesso periodo dell’anno scorso gli esemplari di codice maligno identificati erano stati solo 250. Trojan horse rappresentano il 61% circa del fenomeno, comprendendo nel conteggio anche le backdoor. I worm sono stati invece il 29%: di questi, il 79% (più di 400) sono programmi “bot “, a conferma della diffusione delle reti cosiddette zombie controllate in remoto. È in corso un mutamento delle motivazioni che presiedono alla creazione di virus: mentre una volta gli autori di virus cercavante il loro quarto d’ora di celebrità, oggi sembrerebbe che la loro ispirazione sia principalmente monetaria. La conferma proviene dal crescente numero di programmi studiati per creare reti “zombie” che possono essere poi affittate al miglior offerente. Infine esistono versioni di Trojan horse scritti per sottrarre informazioni che tentano di carpire dagli utenti dati sensibili come i numeri di conto corrente.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore