Trentamila video musicali su Vevo.com

AccessoriWorkspace

Le case discografiche ripartono da Vevo, insieme a YouTube, per sfidare Mtv e Hulu

YouTube, troppo legata ai contenuti Ugc (generati dagli utenti) non ha finora saputo attrarre gli inserzionisti pubblicitari. La via della monetizzazione dei contenuti musicali passa adesso attraverso Vevo.com , la joint venture in cui hanno investito Abu Dhabi Media Company, sostenuta da United Arab Emirates, e le etichette musicali Universal Music e Sony Music.

Le case discografiche ripartono da Vevo, insieme a YouTube, per sfidare Mtv e Hulu: con trentamila video musicali. Vevo offre anche musica dell’etichetta Emi Music e programmazione delle stazioni radio di Cbs e di Last.fm.

Vevo nasceva lo scorso aprile dall’accordo fra YouTube e Universal Music. In base all’intesa, è stato creato un nuovo sito Premium di video musicali.

Il debutto di Vevo è stato possibile anche grazie all’alleanza con una ventina di importanti nomi commerciali, come Colgate-Palmolive Co., MasterCard ., McDonald’s, e AT&T, disposti a pagare dai 20 ai 45 dollari per ogni 1.000 pagine viste.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore