Tribunali delle imprese, più rapida la soluzione delle controversie

AziendeMarketing
Impugnato al Tar del Lazio il Regolamento AgCom

Con il decreto Liberalizzazioni, il 20 settembre sono stati introdotti i Tribunali delle imprese. Si pensa a un’accelerazione delle controversie grazie alla specializzazione dei giudici

Dal 20 settembre hanno preso il via i Tribunali specializzati delle imprese, enti istituiti dal decreto liberalizzazioni (Dl legge n. 1 conv. con Legge n. 27/2012).

Come afferma la Cgia di Mestre, le nuove cause introdotte in alcune delle tipologie più tipiche del diritto societario saranno trattate presso sezioni specializzate istituite presso ogni tribunale e corte d’appello con sede nei capoluoghi di Regione.

Uniche eccezioni la Lombardia (che prevede un ulteriore ufficio a Brescia), la Sicilia (con Catania che affiancherà Palermo) e la Valle d’Aosta (che graviterà su Torino). Le controversie che le imprese dovessero avere potrebbero così essere accelerate grazie al fatto che, con questi tribunali, le imprese possono contare su un giudice a elevato tasso di specializzazione e concentrato solo in alcuni grandi tribunali, elemento importante da utilizzare anche per arrivare a un sensibile taglio dei tempi di controversie chiave per la modernizzazione dell’intero sistema giudiziario.

Potere contare su una giurisprudenza societaria di qualità rappresenterebbe una buona carta da utilizzare per fare rimontare all’Italia qualche posizione nelle classifiche sulla competitività dell’amministrazione della giustizia.
A fare da filtro di fatto al numero delle cause introdotte, riducendone il numero, potrebbe anche essere il raddoppio dell’importo del contributo unificato che da ora sarà necessario versare.

QUIZ – Quanto conosci le imprese high-tech quotate in borsa?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore