Trieste fa scuola nel WiFi

MarketingMobilityNetworkWlan
Trieste apre al WiFi pubblico e gratuito @ shutterstock

Trieste scommette sul WiFi libero e gratuito per il turismo 2.0. Gli hotspot del Comune di Trieste sono realizzati da Teletronica SpA e Spin SpA

I turisti si attestano a un milione, gli studenti dell’Università ammontano a 18.500 e 2.400 sono i ricercatori internazionali nell’Area Science Park. Dopo Firenze, anche Trieste lancia il WiFi pubblico e gratuito. Nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia i nuovi hotspot promettono un’ampia copertura degli spazi pubblici cittadini. In quest’ottica la città diventerà più attrattiva per i turisti 2.0 dotati di smartphone e tablet, per visitatori, studenti e ricercatori. Il Comune di Trieste, che ha deciso di investire nell’installazione dei nuovi hotspot WiFi pubblici e gratuiti per collegarsi alla Rete Civica e a Internet.  L’infrastruttura dell’impianto avrà carattere permanente ed è patrimonio cittadino, infatti rimane di proprietà comunale, mentre Spin SpA  e Teletronica SpA ne cureranno gestione, manutenzione, servizio di manutenzione e il corretto funzionamento sia nei giorni feriali che festivi. «Grazie ai nuovi hotspot – commenta Sergio Lodolo, presidente e ad di Teletronica-, cittadini e forestieri avranno accesso illimitato alla Rete Civica e ai siti istituzionali del Comune di Trieste con pc, smartphone e tablet per ottenere informazioni su uffici pubblici, cultura, shopping, siti di interesse, informazioni sul traffico e tanto altro».

L’ampliamento della rete wireless del capoluogo è stata curata da due società del Friuli Venezia Giulia: la Teletronica SpA di Campoformido, che si occupa dei ponti radio, gli access point e la fibra ottica, e la Spin SpA di Trieste che offe il servizio Internet e l’infrastruttura di “captive portal” per gestire l’autenticazione e la profilazione degli utenti.L’accesso a internet sarà invece limitato a un certo numero di ore, secondo diversi profili utente. «Immaginate -conckude Lodolo- quanto possa fare la differenza un servizio del genere per un turista appena sbarcato da una nave da crociera e che vuole muoversi a Trieste, per chi arriva in città per congressi o business, per gli studenti fuori sede e per i ricercatori che fanno della città un polo culturale e scientifico di primo piano, che merita servizi digitali all’altezza».

Dopo l’installazione dell’hotspot di Campo San Giacomo, inaugurata poco prima di Natale dal sindaco Roberto Consolini, si è deciso che le zone già coperte precedentemente dal WiFi pubblico (Piazza Unità, Piazza della Borsa e Piazza Hortis) si estenderanno arrivando a toccare tutte le circoscrizioni cittadine. Agli hotspot attivati nelle piazze, nelle biblioteche e negli edifici pubblici, poi, si aggiungeranno anche gli esercizi privati, come bar e negozi, che ne faranno richiesta per offrire il servizio ai loro clienti.
Il nuovo sistema WiFi è compatibile con altri network attraverso standard aperti: gli studenti dell’Università di Trieste accedono al servizio con le credenziali già in uso per i servizi dell’ateneo, e così gli studenti e i ricercatori registrati al circuito Eduroam. Inoltre il servizio si potrà federare con il sistema regionale che la Regione Friuli Venezia Giulia, particolarmente attenta all’innovazione digitale, sta diffondendo in tutti i comuni del territorio.

Il wireless non ha segreti per te? Misurati con un Quiz!

Trieste apre al WiFi pubblico e gratuito @ shutterstock
Trieste apre al WiFi pubblico e gratuito
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore