Google cresce a doppia cifra, ma delude

AziendeMarketingMercati e Finanza
Larry Page, Ceo di Google, investe in Calico, azienda di salute e benessere

Sono in crescita a doppia cifra i ricavi, ma anche i costi. Il titolo di Google perde leggermente terreno, anche se si tratta di investimenti a lungo termine

Google ha archiviato il primo trimestre registrando ricavi in crescita del 29% a 6.54 miliardi di dollari, ma a salire del 54% sono anche i costi operativi, mentre gli utili, benché in crescita a doppia cifra, sono livemente sotto le aspettative.  Gli utili sono aumentati del 18% a 2.3 miliardi di dollari, pari a 7.04 dollari per azione. Il nuovo Ceo Larry Page, che ha sostituito Eric schmidt da inizio aprile, ha aumentato le spese per cercare nuove opportunità di crescità: nel Mobile e nella pubblicità video. Goohle sta investendo anche nel browser Chrome, che sta avanzando nelle quote di mercato. ha infatti annunciato un piano di 6 mila nuove assunzioni, di cui 1.900 già nel trimestre (con un incremento del 7.9%). Nella recessione del 2009 Google ha tagliato costi e mostrato grande disciplina nei conti, ma ora il motore di ricerca aumenta i costi per crescere. Il titolo di Google ha perso il 5.6%.

Nel trimestre i Paid clicks sono cresciuti del 18%. Altra area di investimento da parte di Google è Android, che ha già soprpassato Apple iOS nel mercato smartphone. Google ha anche xcquisito AdMob. I dispositivi Android attivati ogni giorno sono 350.000, in grande crescita rispetto ai 300 mila di gennaio. Più complessa è per ora la competizione nel mercato tablet.

La rivalità con Facebook si fa sentire, nel mercato del display advertising, dove Google e Facebook si contendono banner e video. Google ha introdotto il servizio social Google +1, a cui legherà anche i bonus per stimolare i manager. Infine rimane aperto il capitolo Antitrust. Google ha finalmente chiuso l’acquisizione da 700 milioni di dollari della start-up dei biglietti aerei online, ITA software, ma FTC potrebbe estendere le indagini Antitrust. Come sta avvenendo con l’Antitrust UE, dove ad accusare Google è Microsoft.

Se i costi di Research and development (R&D) aumentano del 50%, è perché Google vuole sostenere l’innovazione e intende crescere. E i numeri dellavtrimestrale, in crescita a doppia cifra, danno ragione alla BigG.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore