Trimestrali, Google è in salute

AziendeMercati e Finanza

Google, come Apple e Ibm, non sente ancora la recessione: fatturato a doppia cifra, ma utili in declino. Annunciato programma di scambio volontario delle stock option, per creare più incentivi

Google, come Ibm ed Apple , e a differenza di Microsoft e Intel (costrette a tagli), ancora non sente la crisi, anche se il Ceo Eric Schmidt mette le mani avanti: il quarto trimestre, forse, era poca cosa rispetto all’ondata di recessione in arrivo.

Ma Google archivia il quarto trimestre in positivo: con ricavi netti a quota 4,2 miliardi di dollari, in crescita del 18% (fatturato lordo da 5,7 miliardi di dollari); gli utili, pur battendo le stime di Wall Street, sono calati del 68% a quota 382 milioni di dollari, pari a 5,10 dollari per azioni: sui profitti, però, hanno pesato investimenti (nel WiMax e in Aol).

Inoltre, Google ha annunciato un programma di scambio volontario delle stock option, per creare più incentivi.

Per il 2009, il Ceo di Google promette anche una svolta tecnologica nel motore di ricerca: i risultati della ricerca online saranno basati sul significato della frase digitata, e non semplicemente sulle parole dell’interrogazione (query).

Google ha già avviato una campagna d i tagli dei cosiddetti “rami secchi” (l’ultimo progetto chiuso è Print ads ), per far tornare Google alla profittabilità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore