Tris d’assi nell’era iPad

Dispositivi mobiliMobility

Il dopo iPad è già iniziato, anche se ancora il nuovo gadget di Apple non è nei negozi. Ma l’effetto iPad si misura da tanti segnali. Il 2010 sarà l’anno dei Tablet e degli e-reader. Amazon ha lanciato Kindle Dx in cento paesi e ha detto di vendere sei e-book ogni dieci libri cartacei. Google, in attesa del debutto di Editions, ha messo le mani avanti: ecco come sarà il prossimo Google Tablet con Chrome Os

Sulla copertina dell’Economistin edicola campeggia uno Steve Jobs con un’aureola di raggi solari: Jobs è appena reduce dalla presentazione iper-mediatica (e forse messianica, dopo un anno duro per l’IT) di Apple iPad, e la stampa in crisi ripone in iPad e negli e-book reader grandi speranze.

Ancora non è a scaffale, ma iPad sta già cambiando il mercato Tablet e e-reader. Amazon, che con Kindle 2 e Kindle DX ha rimesso l’accento sugli e-book e gli e-reader, ha risposto a Apple, cambiando strategia nei prezzi degli e-book: Amazon vuole mantenere il proprio mercato (vende 6 e-book ogni 10 libri e forse ha consegnato già 3 milioni di Kindle – stime non ufficiali), preservando la propria posizione anche quando arriverà iPad con iBooks.

Ma a rimescolare le carte in tavola, ci pensa Google: non ha ancora lanciato Chrome Os (in arrivo a Natale), ma ha già pronti i bozzetti di un concept-Tablet con Chrome Os. in Rete lo chiamano Gpad, come dire: un anti iPad. Sì, se anche Google vuole dire la sua in questo mercato, il 2010 sarà proprio l’anno dei Tablet, di iPad e degli anti Kindle.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore