Troppo alti i costi di connessione per le aziende italiane

Network

Una ricerca dello Yankee Group Europe mette in evidenza la posizione di svantaggio italiana per quanto riguarda la connessione a larga banda

Molto interessanti i risultati a cui è giunta una ricerca pubblicata dallo Yankee Group Europe su commissione di Ebone, società specializzata nella fornitura di tecnologie a larga banda. Nel documento si arriva alla conclusione che le connessioni a larga banda in Italia costano fino a 11 volte in più del dovuto. Gli alti costi per i collegamenti, impedirebbero alle realtà imprenditoriali italiane, di beneficiare dei vantaggi derivanti dallutilizzo della larga banda. La causa di questa situazione viene spiegata con la lentezza dei governi e degli organi preposti, alla regolamentazione degli operatori nelle telecomunicazioni. Losservazione diventa tanto più grave quando si consideri il rischio di far sfumare la possibilità di aderire alliniziativa eEurope a sostegno dei governi europei per laumento della competitività internazionale attraverso ladozione delle tecnologie di trasmissione veloci. La ricerca fa parte della carta europea per la larga banda che ha analizzato la situazione in 10 paesi europei prendendo in considerazione 8 indicatori. In questa classifica, il punteggio dellItalia è di 1,3, in un range di punteggi compresi tra 1 (molto basso) a 5 (eccellente). Secondo gli analisti il fatto che influenza negativamente il mercato italiano, è la posizione di monopolio del mercato del local access che porta a costi eccessivi sulle connessioni a larga banda per le linee dedicate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore