Trovare lavoro online

NetworkProvider e servizi Internet

Aumenta in Europa il numero di chi cerca lavoro online. E’ quanto emerge
da una indagine condotta da Stepstone e Easyquest. Grandi banche dati per
mettere in contatto la domanda e l’offerta.

Più lavoro per le divisioni Risorse umane delle aziende. Questa la risposta alla ricerca ” Trend attuali nel mercato della ricerca del lavoro” che riporta i risultati delle interviste a oltre 1.600 manager provenienti da aziende di varie dimensioni e appartenenti a vari settori in Danimarca, Norvegia, Svezia, Germania, Italia, Belgio e Olanda. L’indagine è stata condotta da StepStone, attiva nel mercato di recruiting online, all’inizio di quest’anno, in collaborazione con la società di ricerche di mercato Easyquest. Circa due terzi degli intervistati hanno rilevato un forte aumento delle domande di lavoro. Nel 10% dei casi le richieste sono aumentate del 50%. Inoltre, un numero elevato di responsabili Hr (Human Resources) intervistati ha precisato che le attività di ricerca e selezione sono diventate più difficoltose a causa, in modo particolare, dell’aumento del numero di domande di lavoro inappropriate. Il 64% dei manager ha sottolineato come le attività di recruiting siano diventate oltretutto molto dispendiose in termini di tempo. Da questo quadro risulta evidente l’utilità delle società di Recruitment online che sono in grado di fornire alle aziende liste di persone che cercano lavoro già rispondenti alle richieste. Questo, per l’azienda, si traduce in un risparmio di tempo e, naturalmente, di costi. StepStone è tra le maggiori società che operano nel campo del recruiting online. Nella sua banca dati sono depositati 551.993 curricula; ogni mese visitano il suo sito circa 3 milioni e mezzo di potenziali clienti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore