TuneUp Utilities 2006

Management

Una gradevole suite di programmi per la rapida ottimizzazione e personalizzazione del sistema

La nuova versione di TuneUp Utilities si propone all’utente non avanzato che, per tenere sotto controllo il sistema del proprio Pc, cerca un software poco ingombrante, flessibile e soprattutto facile da usare. Se la nuova interfaccia di TuneUp è colorata e friendly secondo lo standard usato per questo tipo di prodotti, non sempre però ha il pregio di rendere chiaramente individuabili le funzioni di cui si ha bisogno. Facendo clic sul primo dei pulsantoni collocati nella parte sinistra, Customize & Analyze, l’utente può disporre di strumenti per sapere lo stato di salute del Pc, e per personalizzare le impostazioni predefinite. Uno dei più utili è quello che permette di capire quali programmi vengono avviati allo startup, per eventualmente disattivarli. Nella seconda categoria, Clean up & Repair, è possibile avviare il RegistryCleaner (anche se lo si poteva fare anche dalla prima categoria). Il tool analizza a fondo la situazione del Registro di sistema e riporta gli errori rilevati, che si può decidere se correggere o meno. Con Optimize & Remove si passa invece alla sezione riservata alle utility per il miglioramento delle prestazioni: TuneUp MemOptimizer, utility che “lavora” in background e libera spazio per la memoria appena si accorge che il Pc ne ha bisogno (funzione utile se la memoria è poca), RegistryDefrag, quasi un doppione di RegistryCleaner, se non per il fatto che, trovati gli errori nel registro, poi, per renderlo più “snello”, li deframmenta, e System Optimizer, che esamina il sistema e propone suggerimenti per ottimizzare le varie aree controllate (un altro doppione). Nella sezione è compresa la nuova comoda opzione 1-Click Maintenance, che consente, a chi non ha tempo da perdere, di avviare da un’unica finestra l’analisi rapida di errori, la ricerca di file e di applicazioni mancanti e dei file temporanei. Chi vuole invece effettuare modifiche per conto proprio, può farlo aprendo la finestra Administer & Control: da qui si accede a un efficace Editor del registro di sistema, che permette di effettuare ricerche nel registro o all’interno di una particolare chiave, specificando anche il tipo di valori cercati. I risultati vengono elencati nel riquadro inferiore Search Results. Le voci cercate possono essere riviste cliccando su History e le chiavi che interessano si possono contrassegnare con segnalibri per ritrovarle facilmente. È anche possibile proteggere il contenuto del registro dalla scrittura. Comunque tutte le modifiche apportate vengono memorizzate da TuneUp RescueCenter, e in caso di errore possono essere annullate. In questa categoria è previsto anche TuneUp Uninstaller, che consente di disinstallare in sicurezza anche applicazioni che altrimenti non potrebbero essere eliminate. L’ultimo componente di TuneUp ha, come dice il suo nome File recovery & Destruction, il compito di rimuovere file e cartelle di cui non si vuole lasciare alcuna traccia, e, viceversa, di recuperare ciò che è stato eliminato dal cestino.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore