Tutti gli annunci di Apple, da iPhone X a Apple Watch Series 3

MobilitySmartphone

Tutte le differenze tra iPhone X e iPhone 8 e 8 Plus, e i dettagli su Apple TV 4K e Apple Watch Series 3 che in Italia per il momento non sarà disponibile con il supporto LTE

iPhone X, iPhone 8 e iPhone 8 Plus, Apple Watch Series 3 e Apple TV 4K, sono queste le novità più importanti presentate da Tim Cook ieri nell’auditorium dell’Apple Park. Apple rilancia la scommessa della su iPhone per i prossimi dieci anni con il modello X – di cui parliamo diffusamente su Silicon – che si presenta come lo smartphone che aprirà la via nel futuro del comparto: display Oled senza tasti fisici, e praticamente senza bordi, e riconoscimento tramite Face ID sono le due novità più importanti, cui si aggiungono – funzionali all’esperienza top – una nuova Cpu A11 Bionic, il dorso di vetro per la ricarica senza fili, il comparto fotografico potenziato con doppia fotocamera posteriore (da 12 MP, entrambe stabilizzate), la modalità Portrait, gli Animoji (che sfruttano Face ID), sono altre novità di spicco, su cui Apple ha insistito nel keynote degli annunci.

iPhone X
iPhone X

iPhone X, iPhone 8 Plus e iPhone 8. Le differenze

Ecco allora che possiamo concentrarci su una domanda importante: ma allora iPhone 8 e 8 Plus cosa hanno o fanno in più o in meno rispetto ad iPhone X? In più di sicuro non hanno nulla, solo il tempo ci dirà – ma non lo crediamo – se il sistema Touch ID per il riconoscimento e le procedure di autenticazione è comunque più veloce. Sull’affidabilità toglie invece ogni dubbio Apple, che spiega come sia molto più facile un errore di Touch ID rispetto a uno di Face ID.

iPhone 8 e iPhone 8 Plus
iPhone 8 e iPhone 8 Plus

I nuovi iPhone 8 e 8 Plus si distinguono dal top di gamma anche per il display più piccolo (ovviamente non edge-to-edge), rispettivamente 4,7 e 5,5 pollici, rispetto a 5,8 pollici di iPhone X, e per la tecnologia Retina HD e non Super Retina HD: i display degli iPhone 8 inoltre non sono Oled ma ancora si basano su tecnologia LCD, guadagnano però il bilanciamento del bianco automatico a seconda delle condizioni di luce e con la tecnologia True Tone una più ampia gamma cromatica.

Questo influisce ovviamente sull’esperienza finale. per esempio iPhone X vanta un dato di targa sul contrasto tipico di 1 milione:1 rispetto a 1300/1400:1 degli altri due; il display di iPhone 8 Plus ha la risoluzione Full-HD, iPhone 8 1334×750, mentre iPhone X arriva a 2436×1125 pixel con la densità maggiore in assoluto (458 ppi, rispetto a 401 e 326 ppi degli altri due modelli). Dei tre modelli invece il più pesante sarà iPhone 8 Plus (202 grammi) mentre iPhone X pesa meno, 174 grammi.  

Comune è invece il chip A11 Bionic. Su tutti i modelli è disponibile – grazie al dorso in vetro – la ricarica wireless. Apple inoltre ha allineato anche la capacità storage perchè tutti i nuovi modelli avranno una capacità storage di 64 o di 256 Gbyte una semplificazione non da poco.

Nel comparto fotografico lo stacco tra i modelli iPhone X e iPhone 8 Plus resta netto rispetto alla proposta iPhone 8. iPhone X vanta soprattutto il doppio stabilizzatore ottico su entrambe le fotocamere posteriori, iPhone 8 Plus sfrutta lo stesso sensore di iPhone X ma l’ottica è leggermente diversa con f/2.8 rispetto a f/2.4.

Lo zoom digitale 10X non è condiviso con iPhone 8 (appena 5X), cui manca anche la novità della modalità Ritratto. Sono identiche invece le possibilità di ripresa video sui tre modelli. La fotocamera frontale, proprio perché deputata al riconoscimento del volto è decisamente più evoluta su iPhone X, ma non cambia sugli altri modelli il sensore e nemmeno l’apertura focale (f2.2). E’ invece praticamente identico il comparto radio e sensori su tutti e tre i modelli.

iPhone 8 Plus con il dorso in vetro
iPhone 8 Plus con il dorso in vetro

L’analisi sui prezzi è abbastanza semplificata. iPhone 8 costa 839 euro nel modello base, iPhone 8 Plus 949 euro, e iPhone X costa 1189 euro. Parliamo di prezzi coerenti con la filosofia di sempre per Apple.
Allo stesso tempo pensiamo che chi è deciso a spendere 949 euro per iPhone 8 Plus, probabilmente ne spenderebbe anche 1189 euro per iPhone X e a questo punto non avremmo dubbi nel preferire il top di gamma. Tra iPhone 8 a 839 euro e iPhone 7 Plus a 799 euro invece, pensiamo di preferire il modello 7 Plus ancora, per via della doppia fotocamera. Vedremo quali saranno le preferenze dei consumatori. 

Apple Watch Series 3 

La caratteristica più in evidenza per Apple Watch Series 3 è la possibilità di poter rispondere alle telefonate, rimanere connessi, ricevere messaggi senza avere l’iPhone vicino, e soprattutto senza dovere gestire un’altra Sim. Inoltre Apple Watch Series 3 si presenta con una serie di nuove funzionalità di coaching per le proprie attività sportive abilitate da watchOS 4 e con la graditissima caratteristica della resistenza all’acqua fino a 50 metri di profondità con un nuovo sensore barometro/altimetro.

Saranno comunque disponibili due modelli: Apple Watch 3 con sensore GPS e la connettività cellulare e il modello solo con il GPS, su entrambi però sarà disponibile il nuovo chip wireless e il nuovo processore dual-core.

Apple Watch Series 3
Apple Watch Series 3

Il collegamento “cellulare” offre la disponibilità su Apple Watch 3 anche dell’intera collezione di brani di cui si dispone sull’iPhone ascoltabili con AirPods. Il sistema funziona sfruttando il display come antenna sia per ricevere sia per trasmettere gli elementi del traffico 4G e LTE, mentre è integrata su Apple Watch Series 3 una eSIM praticamente microscopica.

Purtrppo Apple Watch Series 3 Cellular NON sarà disponibile in Italia, almeno per il momento non è prevista una data. L’idea di una eSim clone di quella utilizzata dal cellulare, si sa, non piace per nulla agli operatori nostrani e infatti nessuno ha voluto firmare al momento un accordo per portare anche da noi il gioiellino di Apple. Vedremo se e come sarà risolto il vero problema della mancata commercializzazione locale. 

Migliorate le efficienze complessive del comparto radio Bluetooth, del WiFi, mentre non mancano le novità importanti proprio di watchOS4 per esempio relative a Siri più comunicativa nell’arco della giornata, le notifiche sul battito cardiaco troppo elevato, l’auto-set quando si inizia a nuotare in piscina. 

Apple TV 4K

La nuova Apple TV 4K, forse la novità più scontata dell’intero Keynote supporta la visualizzazione dei contenutiin 4K e l’HDR, con le relative conseguenze in termini di fruizione con colori più ricchi e realistici, dettagli più definiti, ma anche una collezione di contenuti 4K HDR su iTunes.

Ovviamente resta la necessità di disporre anche di un televisore in 4K, molto interessante resta la possibilità di fruire con Apple TV dei contenuti 4K HDR anche tramite i servizi video come Netflix e Amazon Prime Video (servizi che al momento non sono ancora disponibili). 

Apple TV 4K
Apple TV 4K

La nuova Apple TV 4K si basa sul nuovo chipset A10X Fusion, Apple TV dispone inoltre del video scaler 4K integrato per ottimizzare i contenuti disponibili in HD anche sui televisori 4K, Apple TV scala automaticamente la risoluzione in base alla disponibilità massima del televisore cui è collegata. 

Per quanto riguarda le modalità di utilizzo, ora si può sfruttare Siri per scegliere i contenuti,  negli Usa anche per gli eventi live. Più avanti nel corso dell’anno arriverà il supporto per AirPlay 2.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore