AziendeMercati e Finanza

Tutto ciò che ci aspettiamo dal CES 2016

Tutto ciò che ci aspettiamo dal CES 2016
1 1 Nessun commento

Spaziando dalla wearable tech ai droni, dalla robotica alle auto a guida autonoma (le famose self driving-cars), dagli ibridi di ultima generazione ai visori per la Realtà virtuale, il CES 2016 apre i battenti a Las Vegas. Al via dal 6 al 9 gennaio

Dal 6 al 9 gennaio apre l’edizione annuale del CES 2016, la fiera dell’elettronica a stelle e strisce. L’edizione 2016 della kermesse di Las Vegas è focalizzata sulla wearable tech (la tecnologia indossabile), i droni, sulla robotica, sulle auto a guida autonoma (le self driving-cars che promettono di rinnovare la mobilità urbana all’insegna di sicurezza ed eco-sostenibilità) e sulla Realtà virtuale (fari accesi su Oculus Rift), ma al CES 2016 non mancano gli ibridi sempre più sottili, a partire da quelli svelati in anteprima da Lenovo.

Tutto ciò che ci aspettiamo dal CES 2016
Tutto ciò che ci aspettiamo dal CES 2016

Partiamo dal Pc, in un anno difficile per il mercato computer (in calo del 10% nel 2015), nonostante il debutto di Windows 10 e nonostante il successo dei modelli convertibili. Alla fiera americana, notebook, desktop e ibridi diventano ancora più piccoli, sottili ma più potenti e con maggiore autonomia. A rubare la scena, alla vigilia del CES 2016, è Lenovo Yoga 900S: spesso solo 1,28 cm, leggero (sotto 1 Kg di peso), offre oltre 10 ore di riproduzione video. Gli ibridi 2-in-1, i tablet Windows e Chrome OS faranno la parte del leone nella categoria Pc al CES: soprattutto vedremo modelli passare dai 10 ai 13 pollici, dedicati agli utenti business.

Grande attenzione sarà riservata a Oculus Rift, l’atteso dispositivo di Virtual Reality (VR) dopo l’acquisizione di Oculus da parte di Facebook per 2 miliardi di dollari. Nel 2017 si prevede che il mercato hardware della virtual reality avrà un giro d’affari pari a 8,8 miliardi di dollari di fatturato, per 70 milioni di dispositivi di Realtà virtuale (VR). Ma non ci sarà solo Oculus Rift sotto i riflettori: Samsung rinnoverà il suo visore, con un modello senza smartphone all’interno, mentre HTC dovrebbe togliere i veli alla versione ufficiale del suo Vive.

Il CES è da anni sinonimo di televisori. Nel 2011 abbiamo visto le Tv 3D, nel 2014 le smart TV, nel 2015 le Tv con lo schermo curvo e 4K: l’edizione 2016 dovrebbe focalizzarsi sulle Tv con tecnologia High dynamic range (HDR), per lo streaming e i contenuti in 4K. Lg dovrebbe presentare WebOs 3.0. Ma le Tv saranno sempre più eleganti e avranno schermi Oled sempre più sofisticati. Sono attesi prototipi dall’estetica sempre più originale. I lettori Blu-Ray diventeranno Ultra HD Blu-ray.

In ambito domotica o Smart home, LG ha appena mostrato SmartThinQ Hub, un nuovo device IoT che funge da gateway per sensori ed elettrodomestici connessi nell’abitazione. E Internet of Things (IoT) rappresenta la nuova frontiera per Samsung e gli altri vendor interessati a Internet delle cose.

Infine, l’Automotive e i droni: in questo campo, non mancheranno sorprese come le self-driving cars con i nuovi chip come quelli di Nvidia e i droni ad idrogeno.

Alla vigilia del 50esimo anniversario, il CES 2016 perde il nome originario di Consumer Electronics Show: da quest’anno è solo CES, perdendo ogni riferimento all’elettronica di consumo, per far posto a nuovi settori come Automotive, droni e robotica eccetera. Ma se il CES accorcia i nome, non taglia le attese: siamo sicuri che non mancheranno sorprese a Las Vegas.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici