Tutto in una scatola

DataStorage

Sono le soluzioni storage all-in-one che si stanno affermando ultimamente e
che attirano sempre più l’interesse delle piccole e medie aziende

I costi contenuti, la necessità di competenze tecniche ridotte al minimo e l’ampia disponibilità di spazio storage sono solo tre delle principali caratteristiche che stanno rendendo irrestibili ai responsabili It delle piccole e medie aziende le soluzioni storage all-in-one.

Generalmente si tratta di box contenenti diverse unità disco di diverse dimensioni e gestite in modalità raid, da firmware proprietario indipendente dai sistemi operativi utilizzati in azienda. L’installazione e l’utilizzo risultano particolarmente semplici, se è vero che in linea di massima basta connetterle alla rete aziendale, alimentarle e configurarle via web attraverso semplici interfacce. Alcune di queste unità forniscono inoltre diversi servizi, come quelli che gli permettono di essere utilizzati come server Ftp, Dhcp e di eseguire backup automatici. Praticamente ogni grande società che partecipa nel settore dello storage ha in portafoglio almeno una soluzione storage all-in-one economica. Vediamo nel seguito di analizzare la gamma di soluzioni attualmente disponibili, cercando di evidenziarne pro e contro.

Partecipazione globale

Che il settore delle soluzioni di storage All-in-one stia vivendo un periodo positivo e prometta buoni rientri a chi sappia investirvi è confermato dall’ampia partecipazione dei grandi produttori. Hp, LaCie eIomega sono alcuni tre i produttori che hanno proposto recentemente alcune interessanti soluzioni in grado di fornire immediatamente una capacità storage di rete fino a 2Tb, con tecnologia Raid avanzata per la protezione dei dati e alcune interessanti funzioni a supporto della gestione e dell’erogazione di servizi storage.

LaCie

Proprio in occasione della recente manifestazione di Storage Expo tenutasi lo scorso febbraio a Milano, la società specializzata nella fornitura di soluzioni storage LaCie ha proposto una personale interpretazione di storage Aio con il sistema Ethernet Disk Raid. La soluzione LaCie Ethernet Disk Raid si propone in un case cubico di ridotte dimensioni, in grado di ospitare 4 unità disco hot-swap, e per la connessione immediata alla rete aziendale offre un’interfaccia Gigabit Ethernet. Il dispositivo supporta i livelli RAID 0, 1, 5, 5+spare e 10. Questa soluzione di storage di rete è stata appositamente studiata per soddisfare le esigenze delle piccole aziende poiché può essere usata come server per la condivisione dei file oppure come unità di storage centrale per più PC o ancora come server Ftp. Se collegato a una seconda porta Ethernet e utilizzato come server Dhcp, il sistema consente anche di creare una rete Gigabit locale personale. Le funzioni di autenticazione a livello di utente e gruppi consentono di proteggere in modo ottimale le condivisioni di dati. Infine, la disponibilità di due porte di espansione Usb 2.0 permette di collegare ulteriori unità di storage e di potenziare la capacità del sistema originale. Il sistema consente inoltre di inviare notifiche per e-mail per segnalare gli errori di sistema e include una pratica procedura di installazione guidata e il software Windows Client Backup and Recovery per la protezione immediata delle configurazioni dei server. La configurazione e la manutenzione possono essere facilmente realizzate attraverso un’intuitiva interfaccia Web. Insomma, occorrono poche e semplici operazioni per far comparire nella rete aziendale il sistema de LaCie, creare utenti e gruppi e condividere le unità con i server e i pc locali. Unica pecca è forse la mancanza di uno strumento per la gestione delle quote storage da assegnare a ogni gruppo/utente.

Hp

HP Storageworks All-in-One nella versione 400 o 600 è un sistema di storage semplice, integrato e dal costo contenuto che rappresenta una soluzione per lo storage di rete per la piccola e media impresa. E’ facile da gestire, può crescere con le esigenze e protegge i dati. Fornisce uno storage condiviso per server applicativi e un file serving per l’utente con protezioni e sicurezza. La semplicità di installazione permette di renderlo operativo in 30 minuti all’interno di una rete preesistente da responsbili IT generalisti senza particolare conoscenze nello storage. Utilizza un processore Intel Xeon 2,67GHz con 4MB di cache L2, ha 1 GB di RAM espandibile a 4GB. Dispone di 4 o 6 (a seconda del modello Aio400 o Aio600) dischi di capacità 500GB 7200 rpm hotplug con interfaccia Serial ATA pilotati da un controller Smart Array E200i con 128MB BBWC per una capacità massima di storage di 3 Terabyte. Il sistema operativo impiegato per la gestione MicroSoft Storage Server 2003 R2 Standard Edition. È anche presente un software integrato per gli snapshot (le copie su sistemi remoti), che consente replicazione e protezione dei dati in pochi minuti anziché ore.

Iomega Per le reti delle piccole e medie imprese, i server Iomega Nas offrono capacità che vanno da 160GB a 2TB. Il nuovo StorCenter Pro Nas 150d Server, per esempio, mette a disposizione degli utenti una risorsa di backup per tutti i computer collegati alla rete. Inoltre, è un luogo sicuro per custodire i documenti aziendali. I modelli recentemente annunciati sono due: un modello da 1 Tb basato su quattro dischi hot-swappable Sata II da 250 Gb e un modello da 2 Tb con quattro dischi hot-swappable Sata II da 500 Gb. Entrambi i StorCenter possono essere configurati Raid 0 (con striping dei dati), Raid 1 (con funzione di mirroring) o Raid5 (striping e parità). La porta Gigabit Ethernet velocizza le prestazioni di rete mentre il software Iomega Discovery Tool automatizza la configurazione. La funzionalità print server fino a quattro stampanti è incorporata, per condividere una stampante è sufficiente connetterla all’interfaccia Usb 2.0 . Per effettuare il backup, Iomega include anche una licenza per cinque client di Retrospect Express di Emc. Gli utenti possono effettuare il backup di file aperti, verificare l’integrità del backup in tempo reale, pianificare backup che si avviano automaticamente e salvare diverse versioni dei file individuali e dell’intero sistema. Uno dei quattro hard drive può essere rimosso dall’unità mentre questa è in funzione e si può procedere subito alla sostituzione di uno dei dischi.

Conclusioni

Per gli addetti ai lavori sono conosciute come soluzioni storage Aio. L’acronimo è per indicare unità storage di tipo All-in-one, ovvero dispositivi che integrano in un unico case l’hardware e il software necessari a rendere immediatamente disponibile e gestibile in rete, uno spazio storage di elevata capacità. Questi piccoli dispositivi, grazie ai costi contenuti e alla minima richiesta di competenze tecniche rappresentano la soluzione storage ideale per le società di piccole e medie dimensioni. Solitamente le soluzioni disponibile comprendono alcuni servi aggiuntivi che gli consentono di essere utilizzati come piccoli server Ftp, Dhcp o printer server. Inoltre dispongono di semplici interfacce che ne permettono la configurazione e gestione via rete attraverso interfacce Web, e per la protezione dei dati offrono unità hot swap e RAID. Insomma, delle piccole black-box a disposizione delle PMI che necessitano spazio storage facilmente implementabile e gestibile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore