Tutto l’hi-tech alle Olimpiadi Invernali 2010 di Vancouver

Aziende
0 0 Non ci sono commenti

I Giochi Olimpici invernali sono di scena a Vancouver. Si possono seguire online, con i video di YouTube o su Google Maps, oppure sui siti di informazione online (Nbc ha scelto il formato Microsoft Silverlight, preferendolo a Flash). Diverse applicazioni sono disponibili su Apple iPhone.

C’è molto hi-tech nelle olimpiadi invernali: a partire dalle tecnologie dei materiali, ma anche nelle infrastrutture, messe in piedi da Atos Origin per seguire 17 giorni di competizione non stop , 80 paesi e 76 gare sportive suddivise in 16 discipline. Tutto da seguire su browser grazie a 800 server, 6mila Pc e 800 dispositivi di networking

Le Olimpiadi Invernali, con 2000 eventi sportivi e culturali, compressi in 17 giorni di discese mozzafiato, emozionanti slalom e gare di sci (ma anche pattinaggio, slittino eccetera), hanno preso il via. Con budget operativo di 1,7 miliardi di dollari e introiti pubblicitari doppi rispetto a Torino 2004: per 80 paesi in competizione e 76 gare sportive suddivise in 16 discipline. Vediamo quale e quanto hi-tech c’è sotto il vestito dell’evento olimpico.

I principali sponsor globali sono McDonald’s, Coca Cola, General Electric, Acer, Panasonic, Omega, Visa,Atos Origin e Samsung.

Atos Origin ha il compito di mettere in sicurezza 6mila Pc, cellulari, smartphone (per 800 dispositivi di networking) e 800 server. A Pechino 2008, Atos Origin dovette affrontare 17 milioni di “eventi security”, compresi i falsi positivi, di cui 30 attacchi.

Samsung, che sponsorizza le Olimpiadi, a Vancouver è partner a cinque cerchi per i dispositivi di comunicazione wireless con una campagna virale all’insegna dell’emozione: “Discover your every WOW moment” si presenta con due video che spopolano su Youtube (con oltre 510 mila accessi), intitolati Ice hockeye Figure skater.

Per tutti le Olimpiadi Invernali 2010 si seguono su YouTube, Google Maps, ma anche su smartphone e con le Web apps per iPhone o sul proprio Pc.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore