Tutto su Bill Gates

Aziende

Il magnate del software definisce l’iPod un fenomeno, elogia Google, si
scaglia contro MySpace e spiega la sua filantropia

Mentre Bill Gates si prepara alla sua seconda vita (reale e non virtuale) di beneficenza e filantropia, non può nel frattempo esimersi dal commentare le ultime novità del settore consumer: il lancio di Zune, il prossimo di Office 2007 (una grande opportunità) e la guerra delle console, tra Xbox 360 e Sony PlayStation 3. Ma fin da subito ci appare un Bill Gates un po’ diverso, molto proiettato nella sua futura vita fuori da Microsoft: il co-fondatore di Microsoft si è lanciato in lodi sperticate per l’iPod di Apple, definendolo un fenomeno. Ma non finisce qui: al TechNet Innovation Summit dell’Università di Stanford ha affermato che Zune non aspira a sostituire l’iPod (letteralmente fantastico), ma vuole proporsi come un player diverso destinato a condividere i contenut i, inoltre ha affermato che Google è più avanti sia nelle strategie che nei servizi (ma anche nella capacità di attrarre cervelli). Invece nel mercato dei videogame per Sony sarà difficile battere Xbox 360. La competizione con Google (di almeno quattro anni avanti nel mercato dei search engine) è divertente e stimolante. Ma Bill Gates ha avuto anche parole dure contro YouTube e MySpace definite bolle speculative: il traffico Internet non equivale a profitto, ?ma è solo l’opportunità di farci qualcosa?. Infine Bill Gates si è soffermato sulla propria scelta di diventare filantropo a tempo pieno (ma dal 2008 potrà essere presente part time in Microsoft). ?Delle ultime 1.500 invenzioni, solo 20 hanno a che fare con la maggioranza dell’umanità? che vive nei paesi emergenti. Bill Gates vola alto e vuole cambiare qualcosa nel mondo, per offrire reale supporto a progetti formativi e didattici, e nella lotta ai problemi irrisolti e drammatici della sanità nei paesi poveri.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore