TV mobile, il Dvb-h è lo standard europeo

NetworkProvider e servizi Internet

L’Unione europea ha scelto lo standard per la Tv mobile: è il Dvb-h. Nasce il mercato unico per la televisione mobile. La scelta di uno stesso standard di trasmissione offre certezze a un mercato, finora non decollato. Si prevede un giro d’affari da 20 miliardi di euro entro il 2011 con circa 500 milioni di utenti della Tv mobile nel mondo.

La scelta della Ue è una vittoria per Nokia. In Italia la Rai aveva deciso di abbandonare il Dvb-h, ma ora forse dovrà ricredersi. I dissensi contro lo standard unico all’interno dell’Ue sono espressi da Germania, Olanda e Gran Bretagna. Il primo banco di prova del Dvb-h saranno le prossime Olimpiadi di Pechino e gli Europei di calcio

Vince il Dvb-h sostenuto da Nokia contro altre tecnologie per la Tv mobile. Non è una vittoria a sorpresa, perché lo standard Dvb-h o Digital Video Broadcasting – Handheld, incluso dalla Commissione nella lista degli standard europei ufficiali, si sapeva che sarebbe stato di fatto l’unico standard europeo, secondo il commissario europeo alle Telecomunicazioni Viviane Reding.

In Italia sono già disponibili canali in Dvb-h. Ma è singolare il caso Rai: la Tv pubblica italiana aveva detto no al Dvb-h e preferito il Dvb-sh per la Tv mobile, un’evoluzione del Dvb-H che consente l’integrazione tra reti satellitari e reti terrestri.

Hanno invece investito molto sul Dvb-h Tre e Mediaset. Il primo banco di prova del Dvb-h saranno le prossime Olimpiadi di Pechino e gli Europei di calcio

I dissensi all’interno dell’Unione sono espressi dalla Germania, Olanda e Gran Bretagna c he si sono dichiarate contrarie a un unico standard europeo.

Finora il flop della mobile-TV è sotto gli occhi di tutti: gli utenti che hanno rinunciato alla mobile-TV sono cresciuti nel 2007 del 68%, ma il 60% di loro sarebbe disposto a riabbonarsi al servizio di Mobile-TV se solo fosse garantita migliore qualità. Insomma, c’è un potenziale inespresso su cui fare leva.

Vedremo se il Dvb-h saprà far decollare il mercato della Tv mobile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore