Il rapporto degli italiani con tv, pc e accessori

AccessoriMarketingWorkspace
Il rapporto degli italiani con tv e pc
5 1 Non ci sono commenti

La fruizione di contenuti multimediali, tra tv, computer, consolle di gioco, tablet – in studio come in salotto – è facilitata da sistemi di interfaccia e di input semplici da usare, e universali. La ricerca di Microsoft sul tema e la proposta All-In-One Media Keyboard, un piccolo passo verso l’idea di un sistema di input unico con pieno supporto delle gesture grazie al touchpad integrato

Microsoft ha condotto una ricerca di carattere nazionale a partire da un campione di 1700 utenti di MS.com e MSN.it per capire come evolve il mondo dell’intrattenimento tra le mura domestiche, come cambiano le abitudini di utilizzo di tv, pc, consolle, e la relativa fruizione dei contenuti. Un’indagine ovviamente non casuale, funzionale anche alle strategie di marketing dell’azienda per pensare quale hardware proporre e come proporlo, in relazione al cambiamento delle abitudini proprio di un pubblico che passa con sempre maggiore disinvoltura dalla tv, al pc, alla consolle di gioco, allo smartphone, al tablet.

Il rapporto degli italiani con tv e pc
Il rapporto degli italiani con tv e pc

Non mancano le sorprese, almeno secondo il nostro punto di vista. Il campione della ricerca, per quanto sindacabile – considerate le sole fonti interne Microsoft – evidenzia una forte propensione a collegare il computer al televisore (circa il 60% lo fa), in quasi un caso su due pensa di sfruttare già appieno le potenzialità del proprio televisore e in un caso su tre dispone di una Smart TV. Solo il 3 percento del campione dichiara di non utilizzare mai le funzioni Smart. Parrebbe la condizione ideale anche per l’inserimento nel salotto di un abilitatore nella fruizione dei contenuti come Xbox One, già ‘innestata’ nel cloud con OneDrive e una serie infinita di servizi, in grado  – quasi da sola – con le sue app, di sostituirsi alla proposta ‘smart tv’ dei vendor.

Manca però un tassello, e cioè un controller comodo per gestire la tv (e la consolle) semplicemente come si può fare con il pc. E’ questa la richiesta del 90 percento del campione. Niente di più logico, basta pensare al fastidio che si prova e alla fatica che si fa a scorrere con i joypad e i telecomandi per selezionare la fatidica lettera che ci permette di cercare il nostro titolo preferito o semplicemente che ci permette di portare a termine le procedure di login. Quando con il televisore si naviga in Rete, alla prima occasione, in cui si potrebbe interagire con l’inserimento di un contributo testuale, ci si arrende. Troppo scomodo, fa davvero passare la voglia.

Microsoft All-In-One Media Keyboard, tastiera per la tv

Da qui la proposta di All-In-One Media Keyboard che rappresenta il primo, piccolo, passo verso la soddisfazione di questo bisogno. La direzione è quella buona. La tastiera, che si candida come ‘controller’ per pc, tv e Xbox one (ma si può usare anche con i Mac pur non essendo certificata) è di ingombri contenuti, sopporta con disinvoltura il versamento accidentale dei liquidi, propone un ampio touchpad per il supporto delle gesture, proprio dove siamo abituati a trovare il tastierino numerico, ha una certa resistenza anche nel caso in cui inavvertitamente dovesse capitare di sedercisi sopra, quando per esempio ci si lascia cadere sul divano.

AllInOne MediaKeyboard (3)
Microsoft All-In-One Keyboard, dialoga con pc, tv, xbox one, mac e sistemi android, ma non tutte le sue funzionalità sono utilizzabili con tutti i sistemi

 

Microsoft All-In-One Media Keyboard, già disponibile da qualche giorno, ha un prezzo intorno ai 40 euro, propone i tasti di scelta rapida per navigare, scegliere foto, video, brani musicali e funziona non con la tecnologia Bluetooth, ma con un dongle WiFi da inserire nel televisore  o nell’ Xbox One (presa USB). Il touchpad integrato è chiaramente vitale per poter giustificare l’efficacia di questo accessorio.

In questa proposta Microsoft ovviamente ha cercato prima di tutto l’ottimizzazione con il proprio ecosistema, per quanto la tastiera sia già utilizzabile sia con Mac OS X 10.7-10.9, sia con Android 4.03, 4.12 o 4.2 ma non anche in tutte le funzionalità avanzate.

In verità la ricerca mette proprio in evidenza l’esigenza degli utenti di pochi dispositivi di controllo, utilizzabili con tutti i device che il mercato mette a disposizione. Si conoscono gli sforzi che si sono fatti con i cosiddetti ‘telecomandi universali’, è ora necessario compiere passi avanti in questo senso anche per quanto riguarda i sistemi di input alfanumerici. La pervasività dei sistemi Android non salva nessuno dal poter pensare ancora di chiudersi a proporre soluzioni, magari anche costose, utilizzabili con pochi dispositivi.

E’ una scelta strategica legittima, ma efficace solo quando si propongono sistemi qualitativamente al top, e il mercato è già conquistato, altrimenti si può rilevare controproducente. L’idea di un All-In-One Media Keyboard è naturale che si sviluppi a partire da specifiche di perfetta compliance prima di tutto con i prodotti Microsoft, ma potenzialmente sarà tanto più apprezzata quanto manterrà larghe, in modo effettivo e completo, le possibilità di utilizzo con tutti i sistemi.

Microsoft, indagine TV PC accessori

Image 1 of 10

Gli italiani, tra tv e pc

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore