Twitter aspira a un miliardo di utenti, ma mette in imbarazzo il mercato cloud

Aziende

TechCrunch ha rivelato le analisi finanziarie segrete di Twitter. Intanto si valuta l’impatto dell’hackeraggio del popolare sito di micro-blogging sul cloud computing. Gli esperti di sicurezza spiegano l’accaduto

Non fa più di tanto impressione leggere che Twitter crede che avrà un miliardo di utenti entro il 2013 (oggi il rivale Facebook ha festeggiato i suoi primi 250 milioni, è a un quarto della meta); ma il motivo della lettura mette i brividi agli esperti di sicurezza e cloud computing.

L’ hackeraggio dell’e-mail di un dirigente di Twitter, ipoteca la fiducia e mette in imbarazzo il mercato cloud. Un hacker francese ha compromesso l’e-mail di un dipendente: l'”Hacker Crol l” afferma di aver indovinato la domanda di sicurezza (security question) e aver poi resettato la password dell’account in questione.

Non è stata trovata nessuna falla inGoogle Apps. Ma un blog si chiede se la sicurezza del cloud computing possa essere bypassata con un gioco da ragazzi. La faccenda dei documenti segreti messi online senza veli, mette alla berlina il sistema di username e password, ormai considerato inadeguato come sistema di autenticazione.

Secondo l’investor di Twitter, Albert Wenger , Google e Microsoft, se vogliono fare sul serio nel cloud B2b, devono subito adottare uno schema di autenticazione a due fattori (two-factor authentication), anche sfruttando messaggi SMS o un’applicazione di mobile authentication dedicata.

Macduff Hughes di Google nel suo blog difende Google dall’accaduto, in quanto la BigG offre opportunità per evitare simili incidenti (come verificare l’ indirizzo Ip dell’ultimo login , offrire l’opportunità di una conferma via un’e-mail secondaria eccetera). Google inoltre spiega che agli utenti di Google Apps non permette il reset delle password.

Ma TrendMicro raccomanda estrema cautela nella condivisione di informazioni nei siti di social networking. E nCircle mette il dito nella piaga: l’interconnessioni (una notizia su un sito pubblico) pone la sicurezza rischio: basta il nome del proprio gatto su Facebook, per rispondere a una domanda segreta e farsi rubare informazioni sensibili.

Per la cronaca, ora sappiamo che Twitter aspira a u n miliardo di utenti entro il 2013, a un giro d’affari di 140 milioni di dollari entro la fine dell’anno prossimo er si potrebbe accontentare di 400mila dollari nel terzo trimestre di quest’anno, per fatturare 1,54 miliardi di dollari e guadagnare 111 milioni e avere 5.200 dipendenti entro 4 anni. Sogni da social network, ormai sventolati ai quattro venti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore