Twitter cinguetta con (quasi) tutti

Management

Twitter, il servizio di micro-blogging da 140 caratteri, si sta internazionalizzando: dopo la versione in inglese e giapponese, arriveranno quelle in italiano, francese, tedesco e spagnolo. Tutti vogliono Twitter: perché ‘fa snob’ con i suoi circa 54 milioni di utent i (mentre Facebook è ormai un po’ troppo popolare con i suoi 300 milioni di abitanti online); perché è un business in ascesa (o una prossima bolla?), valutato ben un miliardo di dollar i (senza aver registrato fatturato, utili o margini); perché sta rendendo antiquata l’e-mail; perché cinguetta con tutti (Microsoft e Google). Anche se i suoi Tweet in Olanda hanno quasi provocato il fallimento di una banca, con code di correntisti agli sportelli, che volevano ritirare tutto perché “su Twitter si dubitava” della solidità dell’istituto. Una volta si mormorava: Se lo dice la Tv… Oggi diventerà: Se lo dice Twitter?

Twitter è in grande spolvero: addirittura vale un miliardo di dollar i. Non c’è che dire, il sito Web 2.0 è attivissimo: il sito di micro-blogging da 140 caratteri, astro nascente dei social network, ha prefigurato un futuro nell’advertising (ma non da subito), ha svelato progetti con il Voip di Jajah e sta perfino cercando accordi separati con gli arci-rivali Microsoft e Google; giocherà la carta dell’internazionalizzazione (quella che ha trainato la crescita globale di Facebook: presto avrà anche una edizione italiana).

Addirittura uno studio afferma che Twitter renderà obsoleta l’e-mail: sStando a Nielsen, 276,9 milioni di cyber-navigatori hanno utilizzato le e-mail negli Usa, Europa, Australia e Brasile, in rialzo del 21% rispetto a un anno fa. Ma il numero di quanti hanno usato i social network e il micro-blogging ha visto un balzo del 31% a quota 301,5 milioni di utenti (dati di agosto).

Prima Obama e l’ attrice Demi Moore (e il suo giovane marito) hanno sdoganato Twitter prima della società di analisi Gartner .

Twitter non è solo gossip, anzi: ha ricoperto un ruolo politico anche nei casi Cina (contro il filtro nei Pc Greem Dam, voluto dal Partito comunista, ma poi fermato dal tam-tam in Rete) e Iran (le proteste contro i brogli e contro l’uccisione di Neda). C’è però chi teme (Ue compresa) che Twitter diventi un’arma impropria (soprattutto in tema di privacy).

L’ultimo aneddoto in Olanda (il quasi-fallimento di una banc a per i dubbi corsi sul servizio di micro-blogging) ipoteca un po’ delle ambizioni di Twitter. Se la bufala circola su Twitter, bisogna stare attenti: i social network vanno usati con la testa, mai come oro colato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore