Twitter non centra l’obiettivo: il fatturato è basso

MarketingSocial media
Twitter sarebbe nel mirino di Snapchat

Twitter ha archiviato il quarto trimestre con audience in lieve crescita, ma fatturato, derivante dalla pubblicità, in declino

L’effetto Trump non si è fatto sentire, è uguale a zero: alcuni analisti avevano detto che i tweet a raffica del neo-presidente degli Stati Uniti, con 24.3 milioni di follower, avrebbero potuto spingere la crescita del micro-blogging, ma Twitter, pur registrando più utenti attivi di un anno fa, non centra l’obiettivo: il fatturato da advertising delude, i Tweet della Casa Bianca non si trasformano in dollari.

I ricavi costringono la società di San Francisco a ristrutturare, ma i tagli di posti di lavoro non sembrano dare una mano, secondo Bloomberg. Gli inserzionisti non sono invogliati ad investire di più.

Twitter non centra l'obiettivo: il fatturato è basso
Twitter non centra l’obiettivo: il fatturato è basso

Twitter ha archiviato il quarto trimestre, aggiungendo 2 milioni di nuovi utenti, totalizzando 319 milioni di utenti complessivi. Una crescita del 4.0%, ma ancora i numeri rimangono modesti, lontani dagli 1,8 miliardi di Facebook, ma anche dalle cifre di Instagram e dal successo di Snapchat. Il Ceo Jack Dorsey ammette la delusione, ma conferma che bisogna lavorare sodo per raggiungere i risultati. Le partnership per i live video dovrebbero trainare l’audience, come la recente introduzione di tool anti abuso, novità che renderanno più difficile ai cyber-bulli più aggressivi di essere ascoltati perché i loro tweet verranno nascosti nelle ricerche.

Il fatturato derivante da advertising ha messo a segno un declino dello 0.5% anno su anno a quota 638 milioni di dollari. I ricavi totali sono aumentati dell’1.0% a 717.2 milioni di dollari. Si tratta della crescita di fatturato più bassa dall’Ipo nel 2013. I profitti si attestano a 119 milioni di dollari, pari a 16 centesimi per azione. Le perdite sono salite da 90.24 milioni, o 13 centesimi per azione, a 167.1 milioni, o 23 centesimi per azione.

Il titolo ha perso l’11.7% a 16.53 dollari. Secondo Wedbush Securities, se Twitter non convincerà gli inserzionisti ad investire, faticheranno a competere nel competitivo mercato dell’advertising digitale.

Il micro-blogging californiano ha tagliato il 9% del suo staff e ha ceduto il business developer Fabric a Google, ha sbarrato Vine, ma rimane pericolosamente in stallo, nell’indifferenza degli investitori. Quella di Twitter assomiglia a una crisi d’identità.

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  “Migliorare la customer experience nel mondo mobile

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore