Twitter s’impenna a 7,7 miliardi

AziendeMarketingSocial media
Dick Costolo, Ceo di Twitter: Cresceremo con la Wearable technology

Niente cessioni da parte del sito di micro blogging Twitter. Neanche quote a Jp Morgan. L’ultima valutazione è di 7,7 miliardi di dollari

Twitter non vuole essere acquisita né vuole cedere quote a Jp Morgan, tuttavia avrà gradito l’ultima valutazione da 7,7 miliardi di dollari, il doppio rispetto al fund raising di dicembre. Su Second Market ora è valutato così il sito di micro-blogging da 140 caratteri, che aveva suscitato l’interesse di JP Morgan.

Anche se c’è da dire che Google avrebbe forse sborsato 10 miliardi di dollari per acquisire Twitter. Ma il sito è incedibile, ripete il Ceo Dick Costolo. Facebook ottiene invece  una nuova valutazione di 65 miliardi di dollari.

Nei giorni scorsi JPMorgan Chase avrebbe voluto acquistare il 10% di Twitter per 450 milioni di dollari, valutando a quota 4,5 miliardi di dollari il sito di Costolo. Ma Twitter vale ben di più. Di recente l‘amministratore delegato di Yahoo!, Carol Bartz, in un’intervista al quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, ha lanciato l’allarme: “Siamo senza dubbio nel bel mezzo di una bolla internet“. E perfino per Pandora, intenzionata a quotarsi, si parla di Ipo da 100 milioni di dollari. Twitter e Facebook sono molto “chiacchierate” dopo l’ondata di proteste nel Nord Africa.

Twitter ha rivelato che ormai il 40 per cento dei tweet arriva da piattaforme mobili. E, secondo il Ceo dell’azienda, questo fenomeno indica per la società la futura strada di una più profonda integrazione con gli smartphone. Il numero dei messaggi di microblogging del servizio crescono a un tasso vicino a quelli del record di 6 mila tweet al secondo, raggiunto in Giappone nel Capodanno scorso: si è arrivati a 130 milioni di tweet al giorno.

Dì la tua in Blog Café: Il 40% dei tweet da cellulare

Dick Costolo, Ceo di Twitter
Dick Costolo, Ceo di Twitter
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore