Twitter si quoterà in Borsa. La parola alle società d’analisi

AziendeMarketingMercati e FinanzaSocial mediaWorkspace
Twitter verso l'IPO: quotazione da 10 miliardi di dollari @ shutterstock
0 1 Non ci sono commenti

Twitter si quoterà in Borsa. La parola alle società d’analisi, da Gartner a Forrester, da Wedbush Securities a EMarketer

Il Ceo Dick Costolo ha annunciato con un Tweet la prossima IPO di Twitter. Ha spiegato di aver depositato, un mese fa, la richiesta di collocamento senza però rivelare i propri dati finanziari, come prevede la legge, per le società che fatturato meno di un miliardo di dollari. La quotazione di Twitter rappresenta una nuova pietra miliare nella S-economy (la Social economia, dei Social media), dopo il debutto in Borsa – non fortunato – di Zynga, Groupon e Facebook. Quest’ultima è tornata al prezzo dell’IPO, 38 dollari per azione, a luglio; e ha toccato il primo record, 45 dollari, nei giorni scorsi, dopo aver recuperato un declino – che pareva abissale – del 53%. Ma Twitter preferirà l’understatement e una differente strategia di prezzo rispetto a Facebook, per evitare i drammi (e itraumi) dell’IPOcalypse.

Twitter, il micro-blogging con sette anni di età, creata nel 2006 da Jack Dorsey, che consente agli utenti d’inviare messaggi da 140 caratteri al massimo (Tweet) o video di una manciata di secondi (tramite l’applicazione mobile Vine), è guidata dal Ceo Dick Costolo.

Twitter, che è satata valutata da investitori privati più di 10 miliardi di dollari, dovrebbe raggiungere il break even quest’anno e dovrebbe essere in linea per registrare il 40% di crescita anno su anno a quota 1 miliardo di dollari di fatturato annuale, secondo Greencrest Capital: “Dal mobile alle potenzialità ‘social’, il micro-blogging ha un grande futuro come second screen per la visione della Tv”. Il servizio oggi è all’apice della popolarità e conta 200 milioni di utenti regolari che contribuiscono con 400 milioni di Tweet inviati al giorno. Ma Twitter guarda anche alla Wearable technology, di cui vorrebbe esplorare le oportunità per crescere. La tecnologia che s’indossa è un settore promettente in campo IT.

Il modello di avertising di Twitter ha creato un nuovo paradidgma nel mobile advertising, secondo Reuters, tanto da aver costretto Facebook a sfoderare un prodotto pubblicitario simile, le Sponsored Stories. Ma l’azienda di San Francisco è stata la prima a dimosterare che l’advertising in-stream permette di monetizzare la popolarità di un servizio nell’era Mobile. Forrester ritiene questo uno dei maggiori successi del micro-blogging: aver trovato un modo efficace per inserire la pubblicità nel sito, offrendo “misurazioni migliori per gli inserzionisti anche rispetto a più grandi aziende come Facebook”.

Secondo Wedbush Securities, Twitter evita oggi il pubblico scrutinio, e lo fa perché la legge (Jumpstart Our Business Startups, o JOBS Act) glielo consente. Un modo per tenere i “bollenti spiriti” sotto tono. Mentre Facebook fatturava già 4 miliardi di dollari nell’anno precedente all’IPO, Twitter raggiungerà il primo miliardo di dollari nel 2014: significa che potrà crescere in ricavi, e correre in Borsa, dopo l’IPO. EMarketer stima che il sito di micro-blogging da 140 caratteri incrementerà i ricavi da advertising del 63% a 950 milioni di dollari nel 2014 rispetto ai 582.8 milioni di dollari del 2013. Twitter fatturava 139.5 milioni di dollari nel 2011. Anche Pivotal Research Group ritiene che Twitter si confermerà un leader del Mobile advertising. Del resto ha appena acquisito per 350 milioni di dollari in azioni MoPub, startup di scambio di mobile-advertising, specializzata in real-time bidding per le piattaforme pubblicitarie di microblogging. Secondo Opus Research, “gli investitori cercano liquidità”.

Negli Stati Uniti Twitter e, in Cina, Alibaba.com saranno le maggiori IPO dell’anno nel settore Internet: anche Alibaba, fondata da Jack Ma, dovrebbe raccogliere una cifra importante, intorno ai 15 miliardi di dollari. La febbre da IPO torna nel mondo digitale e guarda già alle start-up di domani. Diventando pubblica, Twitter si regala “un futuro sostenibile” secondo Gartner. Le implicazioni della quotazione saranno profonde per Twitter, che più che un social media è un tool di publishing: e i capital gain potranno aiutare il sito ad espandere il suo ecosistema a utenti differenti come gli sviluppatori, gli inserzionisti e gli utenti consumer, secondo la società d’analisi Gartner. Twitter non è un luogo in cui connettere le persone, ma in cui consentire alle aziende di connettersi con i consumatori pubblicando nuove forme di contenuti sul sito.

E non dimentichiamo il business della Tv per Twitter: dopo aver presentato il programma di ad marketing, per consentire agli inserzionisti TV di spingere i loro contenuti (branded content) verificando se gli utenti twittavano su certi programmi, un mese fa Twitter ha annunciato l’acquisizione di Trendrr per  analizzare meglio i tweet connessi alla Tv. Diventando pubblica, l’azienda californiana farà progressi nell’analytics e nei video. L’IPO donerà a Twitter la scalabilità.

Quanto conosci Twitter? Misurati con un Quiz!

Dick Costolo, Ceo di Twitter: Cresceremo con la Wearable technology
Dick Costolo, Ceo di Twitter: Cresceremo con la Wearable technology 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore