AcquisizioniAziende

Twitter sprofonda in Borsa: c’è aria di acquisizione

Twitter delude ancora, anche se cresce la base utenti
1 2 Nessun commento

Le indiscrezioni di Borsa indicavano un possibile acquirente in News Corp di Rupert Murdoch, ma il colosso dei media nega l’interessamento per Twitter

Nella giornata nera di Wall Street e delle Borse mondiali, si è verificato il crollo verticale di Twitter, in declino fino al minimo storico intraday. Il micro-blogging di San Francisco ha bruciato il 25% circa: poiché il Ceo Jack Dorsey guida anche Square, scivolata sotto il prezzo dell’Ipo, perdendo il 36%, per il co-fondatore di entrambe le società è stata una giornata di perdite. Dall’inizio dell’anno ha perso 393 milioni di dollari.

Twitter sprofonda in Borsa: c'è aria di acquisizione
Twitter sprofonda in Borsa: c’è aria di acquisizione

Fra l’altro, Twitter aveva registrato l’altro ieri il terzo black-out in pochi giorni.

In questo scenario, si torna a parlare di una possibile acquisizione: Twitter potrebbe essere acquisita a prezzi stracciati. Le indiscrezioni di Borsa indicavano un possibile acquirente in News Corp di Rupert Murdoch, ma il colosso dei media nega l’interessamento. I rumors, riportati da Cnbc, avevano provocato un rialzo del 14% dopo le perdite, per chiudere a +4.1%.

Se ipotizzassimo una cessione, chi potrebbe corteggiare il sito californiano? Google, per dimenticare il flop di Google Plus, potrebbe essere interessata ad aggiudicarsi Twitter, uno dei fenomeni più interessanti nel panorama social media. Infine, lo scorso ottobre, Steve Ballmer, ex numero uno di Microsoft, ha acquisito il 4% del micro-blogging. Ma anche Facebook potrebbe essere della partita.

Un takeover potrebbe essere valutato intorno ai 30 miliardi di dollari. Intanto Twitter è calato del 41% da quando Dorsey è stato nominato Ceo permanente.

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici