L’applicazione Uber sale a 40 miliardi di dollari di valutazione

AziendeMarketingMercati e Finanza
Il tribunale italiano assolve Uber
0 0 Non ci sono commenti

Nell’ultima raccolta fondi, Uber ha incassato 1.2 miliardi di dollari di investimenti. La valutazione dell’azienda di auto noleggio di San Francisco raddoppia rispetto a giugno

Nell’ultima raccolta fondi, Uber ha incassato 1.2 miliardi di dollari di investimenti. Lo ha annunciato su un post sul blog il co-fondatore Travis Kalanick. La valutazione dell’azienda di auto noleggio di San Francisco raddoppia rispetto a giugno, quando la promettente startup veniva valutato 17 miliardi di dollari. Il servizio che sfida i taxi, infatti, adesso vale 40 miliardi di dollari.

Grazie ai nuovi finanziamenti, Uber può permettersi una maggiore flessibilità sui tempi della initial public offering (Ipo).

A novembre l’app per noleggiare un’auto ha firmato un accordo con Spotify, la partnership, in vigore dal prossimo 21 novembre in 10 città in quattro Continenti, che permetterà agli abbonati Spotify, con abbonamento premium da 10 dollari al mese, di scegliere la loro musica e di ascoltarla durante la corsa sull’auto.

Uber ha fatturato 10 miliardi di dollari di guadagni all’anno: ha raggiunto i numeri di Facebook in metà tempo rispetto al social network di Menlo Park. Significa che l’app per iPhone, Windows Phone e Android ha impiegato solo 5 anni – la metà di tempo di Facebook – per raggiungere un giro d’affari così consistente.

Uber è valutato 40 miliardi di dollari
Uber è valutato 40 miliardi di dollari

In Italia è presente a Milano, Roma, Genova, dove il boom di UberPop è stato più prorompente, e a Torino, da inizio novembre. Dalle 10 città iniziali, l’app si è estesa ad altre 140 città in oltre 46 Paesi del mondo. Ogni mese 50mila persone cominciano a lavorare, e a guadagnare, con Uber.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore