Ue: disco verde alle controproposte di Microsoft

Workspace

Un primo sì arriva dalla Commissione europea alle iniziative di Redmond sull’interoperabilità

Passato l’ultimatum, arriva il sereno. La Commissione europea sta leggendo e analizzando le controproposte di Microsoft, giunte prima dello scadere dell’ultimatum del 31 maggio. E la Ue approva alcuni principi base delle soluzioni antitrust che arrivano da Redmond in materia di interoperabilità. Microsoft inoltre si è dimostrata disponibile a rendere liberi da royalty protocolli per server per la comunità open source. Infine la Commissione europea ha annunciato test di mercato sulle controproposte di Microsoft. Si rasserena quindi il clima nella vicenda antitrust che vede contrapposte Microsoft e Unione europea: per ora non ci sono novità sul fronte del rilascio del sistema operativo Windows privo di Media player, ma altri passi avanti sono stati fatti in tema di interoperabilità: uno dei punti principali, finora disattesi, al centro della controversia. In caso di bocciatura, potrebbe costare cara a Microsoft: fino a 5 milioni di dollari di multa giornaliera.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore