Ue e Microsoft, di nuovo ai ferri corti

Aziende

Microsoft potrebbe essere multata per inottemperanza delle norme Antitrust europee

Al centro dell’ultimo contenzioso fra Unione europea e Microsoft è ancora una volta l’interoperabilità tra i software. La Ue aveva dato il limite del 15 dicembre al colosso di Redmond per ottemperare ai suoi doveri verso le norme Antitrust europee. Microsoft però è stata inadempiente, secondo la Commissione europea. Entro cinque settimane Microsoft dovrà rendere noti i dati tecnici necessari all’interoperabilità tra i software (legati al Windows Media player), altrimenti scatterà la multa quotidiana: si tratterebbe cioè di pagare 2 milioni di euro al giorno. Il commissario Ue alla Concorrenza, Neelie Kroes, sta infatti dando il via alle procedure perché Microsoft sia multata per inadempienza formale alle regole Antitrust. Una spada di Damocle pende sulla testa del colosso di Redmond in area Ue. Microsoft ha risposto che ritiene ingiustificate tali decisioni dell’Uione europea.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore