Un disco Toshiba per ogni esigenza

Stampanti e perifericheWorkspace
0 1 Non ci sono commenti

Sono disponibili anche in Italia le soluzioni di storage SSD e tradizionale, con dischi interni ed esterni per le diverse specifiche esigenze. Nel dettaglio: l’offerta Canvio Premium, X300 e Q300 pro

Se nel comparto pc i tempi sono più che mai incerti in casa Toshiba – anche a seguito della doccia fredda relativa alla fusione (con Vaio e Fujitsu) – per quanto riguarda lo storage si può parlare invece di una vera primavera nel refresh della proposta, soprattutto se si pensa ai dischi sia SSD (interni ed esterni) sia tradizionali ad alta capacità. Per Toshiba lo storage è uno degli ambiti più importanti, insieme all’healthcare professionale e al comparto dell’energia.

Allo stesso tempo per il gigante nipponico è importante rifocalizzare in parte la strategia, non solo con i dispositivi di storage esterni, ma anche con una solida offerta SSD, un comparto, quello dei dischi interni SSD in cui Toshiba si è mossa in lieve ritardo, soprattutto rispetto a Samsung. Ora con la nuova proposta Q300 e Q300 Pro recuperando in modo efficace parte del terreno. Ripercorriamo gli ultimi annunci che ora sono effettivamente tutti disponibili sul mercato.

Toshiba X300, il massimo della capacità sui desktop

Tra le soluzioni di punta Toshiba Europe ha annunciato di recente l’ampliamento della famiglia X300 con un disco a piattelli (HDD) da 3,5 pollici dalla capacità di ben 8 TB pensato per chi cerca capacità e performance nei comparti della grafica professionale, per i videogiocatori,ma anche per chi lavora su video ad alta definizione e ha bisogno di un sistema storage capiente.

Toshiba X300
Toshiba X300

La proposta si utilizza su workstation, all-in-one e computer di fascia alta ma ovviamente non sui laptop, e la famiglia X300 si propone con l’interfaccia Sata da 6.0 Gbit/s, velocità di rotazione dei piattelli da 7200 rpm, buffer da 128 Mbyte con la possibilità di sfruttare la tecnologia dual-stage per migliorare la precisione del posizionamento in modo da evitare gli effetti di allineamento head-track.

Questo disco supporta l’archiviazione Advanced Format (AF) e Native Command Queuing (NCQ). Il prezzo di questa proposta è elevato ma del tutto giustificato dalla capacità da record, in ambiente desktop, di ben 8 TB.

Toshiba Canvio Premium

La proposta Toshiba, quando la capacità è fattore di scelta, è ben articolata anche nell’ambito dei dischi tradizionali portatili: per esempio con il modello Canvio Premium, con capacità da 3 TB. Del tutto ridisegnato, con la scocca in alluminio e i profili tagliati a diamante, questo disco portatile comprende nella confezione un adattatore USB-C/USB-A (sempre USB 3.0) tradizionale in modo da potersi collegare sia ai laptop tradizionali, sia alle nuove soluzioni ipersottili con esclusivamente l’interfaccia USB-C; si pensi per esempio a MacBook. Il disco di suo si collega con l’interfaccia USB 3.0 A-micro-B che assicura anche la corretta alimentazione su due canali separati.

Toshiba Canvio Premium
Toshiba Canvio Premium

Il campione di prova in redazione con il colore grigio scuro metallizzato è in una delle due tonalità disponibili, Canvio Premium è presenta a catalogo anche in argento satinato. Il vero punto di forza della soluzione Canvio Premium è la possibilità di lasciare il disco sempre collegato a un unico computer e accedere a tutti i suoi contenuti da altri computer, smartphone e tablet, con un’ulteriore espansione della capacità perché per ogni disco si hanno a disposizione 10 Gbyte di archiviazione gratuita in cloud.

La prima volta che si collega il disco al computer si possono utilizzare i diversi software (sia per Windows sia per Mac) in dotazione: il tool di sicurezza per mettere sotto chiave i dati, protetti da password, il software di backup fornito da NTI per l’archiviazione automatica senza ulteriori interventi da parte dell’utente, e la soluzione opensource Pogoplug Pc per Windows e per Mac in modo da accedere ai file del disco anche da remoto.

Nella confezione inoltre si trova la custodia a sacchetto di velluto per il disco, il cavo di collegamento USB e l’adattatore USB-A/USB-C. Il disco è disponibile in capacità da 1,2 e 3 Tbyte già formattato NTFS a partire da 103 euro. Per il Mac il disco arriva formattato in HFS+, nel caso di utilizzi misti è possibile sfruttare la soluzione Tuxera NTFS per Mac con il Mac per leggere e scrivere dati su entrambi i file systems, ma si rinuncerà così a poter sfruttare il disco per Time Machine.

Toshiba SSD Q300 Pro

In ultimo, il disco forse più innovativo per la nuova strategia, è interessante la proposta SSD Q300 Pro da 2,5 pollici. Siamo nell’ambito dei dischi professionali, utilizzabili sia esternamente con qualche minimo accorgimento che internamente soprattutto con i laptop. Questa proposta dal punto di vista costruttivo vanta la tecnologia flash memory a 15 nm a 3-bit-per cella (TLC). Il disco è disponibile con capacità massima di 1 TB, e ovviamente con i relativi tagli ridotti (noi abbiamo provato quello da 512 Gbyte).

Questa proposta è la soluzione tipica di upgrade da un disco HDD a un SSD che come minimo assicurerà a qualsiasi laptop un miglioramento sostanziale nelle performance. Ci muoviamo nell’ambito delle soluzioni Sata III, con transfer rate di ben 6 Gbit/s, con velocità sequenziali intorno ai 530 Mbyte al secondo e 92mila Iops in lettura casuale.

Toshiba Q300 Pro
Toshiba Q300 Pro

Tutti i drive Q300, anche quelli non della serie Pro offrono il supporto per native command queuing (NCQ), S.M.A.R.T. (self-monitoring analysis and reporting technology), zeroing TRIM e i dischi Pro anche per Patrol Read. I Pro vantano inoltre la tecnologia proprietaria di Toshiba QSBC (Quadruple Swing-By Code) di Error Correction, per una migliore protezione dei dati e maggiore affidabilità. Toshiba ci mette la faccia al punto da estendere sui modelli Pro la garanzia fino a 5 anni. Il prezzo di SSD Toshiba Q300 Pro da 512 Gbyte è di 210 euro, costa 419 il modello da 1 TB, mentre quello da 256 Gbyte costa 135 euro.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore