Un documento di Word molto pericoloso

CyberwarSicurezza

Un impiegato situato in Asia ha aperto una email rischiosa che ha permesso
agli hacker di entrare tranquillamente nel network del governo Usa

IL DIPARTIMENTO di Stato americano ha ammesso che il suo network è stato compromesso l’estate scorsa quando un impiegato situato in Asia ha aperto una email rischiosa che ha permesso agli hacker di entrare tranquillamente nel network del governo. Perché il Governo ci abbia messo così tanto tempo a liberarsi dell’attacco non è chiaro. Un ufficiale del Dipartimento di Stato, descrivendo l’attacco come ?elaborato?, ha dichirato all’Associated Press che si è trattato di un trappola ordita da sofisticati hacker internazionali, che hanno utilizzato una ?tenica segreta di infiltrazione? che sfruttava una falla nell’architettura di Microsoft Office (. Poiché il Dipartimento di Stato non l’ha detto a nessuno, nemmeno a Microsoft, altre compagnie e governi sono rimasti vulnerabili per mesi. Donald R. Reid, il coordinatore della sicurezza del Bureau of Diplomatic Security, ha detto che una piccola quantità di dati governativi sono stati rubati dagli hackers, fino a che non sono state realizzate nuove connessioni per mettere al sicuro i collegamenti via internet del Dipartimento di Stato nell’Asia dell’Est. La messa in sicurezza ha comportato l’assenza di internet negli uffici del governo americano nel momento in cui la Corea del Nord cominciava i test missilistici. Reid ha anche detto che i loro sforzi per tenere segreto il problema dell’infiltrazione e non sollevare un polverone sono stati vanificati da reporter curiosi.L’Associated Press è stata la prima a parlare dell’intrusione. Il risultato è stato che Microsoft ha distribuito una patch che ha permesso a tutti i sistemi del mondo di difendersi da attacchi simil i. Reid deve fronteggiare una sottocommissione di Sicurezza Nazionale per spiegare il comportamento del dipartimento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore