Un incontro sul Digital Divide

Network

A Roma, il 2 luglio, si discuterà sulle possibilità di un accesso alla Rete distribuito in maniera più equa

Ci sono più accessi a Internet nella sola città di New York che in tutta lAfrica. I paesi industrializzati, dove risiede solo il 15% della popolazione mondiale, utilizzano oltre il 50% delle linee telefoniche della rete fissa planetaria e ben il 70% di quella mobile. Di segno opposto la situazione nelle nazioni in via di sviluppo, dove risiede il 60% della popolazione globale meno dell1% degli abitanti dellAfrica e dellAsia ha accesso alla rete telematica. Un vero e proprio gap tecnologico, noto agli esperti come Digital Divide (esclusione digitale), che aggrava ulteriormente il divario già esistente tra Nord e Sud del mondo e che sarà nellagenda dei lavori del prossimo G8 di Genova. Lesclusione digitale sarà argomento della tavola rotonda organizzata a Roma il prossimo 2 luglio da eWorks, principale incubator di aziende tecnologiche con sede nella capitale, in collaborazione con Clorofilla.press. La manifestazione, denominata EventureTime, si inserisce in una serie di incontri organizzati da eWorks e divenuti ormai appuntamento mensile fisso per venture capitalist, rappresentanti delle istituzioni, docenti universitari, appassionati di Internet e del multimediale. Tra gli illustri ospiti che interverranno il 2 luglio ci sarà anche il presidente dellAcea, Fulvio Vento, che sulla questione del Digital Divide ha dichiarato La nostra azienda interviene nel Terzo Mondo innanzitutto secondo il suo compito specifico, ovvero fornendo acqua e energia. In seconda istanza, lAcea dispone anche del know how tecnologico necessario alla creazione di infrastrutture telematiche ed è pronta a metterlo al servizio dei Paesi in via di sviluppo. Intanto lesclusione digitale è una delle priorità allattenzione del G8 per analizzare e risolvere il problema è stato istituita la Digital opportunities task force, un team di esperti che è al lavoro dallo scorso anno e ha già stilato un primo, allarmante rapporto. La tavola rotonda, il cui inizio è previsto alle ore 21, si svolgerà a Roma presso il Caffè delle Arti in via Gramsci 73 e sarà coordinata da Giorgio Meletti, editorialista de Il Mondo. Insieme al presidente Fulvio Vento, interverranno anche lonorevole Franco Bassanini, ex ministro per la funzione pubblica, Giancarlo DAlessandro, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Roma, Marco Causi, assessore al Bilancio del Comune di Roma, Francesco Caio, Ceo di Netscalibur, e Renato Brunetti, presidente delleWorks Group.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore