Un italiano guiderà l’Internet Tv Joost

ManagementNomine

La creatura dei fondatori di Skype avrà a capo Michelangelo Volpi, ex
dirigente di Cisco

Inizia a diventare un business che parla un po’ di italiano, quello della Internet Tv ovvero la Televisione del futuro. Da una parte c’è Babelgum fondata da un italiano come Silvio Scaglia, ex di Fastweb. Dall’altra c’è Joost, fondata dai signori di Skype, ma che ha scelto un italiano alla sua guida: Michelangelo Volpi, ex top manager di Cisco Systems. Insomma, la Rete che sa proporre qualcosa di nuovo e all’avanguardia, parla anche italiano (e non è poco). Milanista e milanese, Volpi ha sempre preferito lavorare all’estero: ex manager di Cisco, ha lasciato l’azienda di John Chambers per nuove avventure nella Net economy. E Volpi è approdato in Joost, l’Internet Tv che sfrutta il Peer to peer. A Volpi di Joost è piaciuta la flessibilità tecnologica: questa Web Tv del futuro può girare su un set-top box ma anche su un dispositivo mobile. Joost in questi mesi ha saputo attirare l’attenzione di Cbs, il colosso multimediale c he ha appena acquistato la nota radio on-line Last.fm. Il progetto di NetTV lanciato dagli ideatori di Skype inoltre ha siglato contratti, tra gli altri, con CNN e Sony per la distribuzione di contenuti e con Nike, Coca Cola e Visa per le inserzioni pubblicitarie. Insomma, Joost, ex Project Venice, è pronta a rosicchiare spettatori sempre più in fuga dalla Tv generalista. Con lo zampino di due italiani, rivali, come Volpi con Joost e Scaglia con Babelgum.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore