Un miliardo di persone userà il Pc entro il 2010

Workspace

Queste le stime degli analisti, che pensano soprattutto alla diffusione dei computer nei paesi in via di sviluppo: India, Cina e Russia in testa.

Si calcola che oggi ci siano circa 600 milioni di computer in giro per il mondo. Entro il 2010, sostengono gli analisti, si potrebbe arrivare a un miliardo di utilizzatori. Grazie alle opportunità che derivano dai paesi emergenti, tra cui spiccano India, Cina e Russia. Ma non sarà facile conquistare queste nuove aree. Ci troviamo di fronte infatti a paesi con vaste zone ancora molto povere, con infrastrutture vecchie e spesso inesistenti, con un alto tasso di analfabetismo. Da considerare anche la enorme quantità di lingue e dialetti differenti, che creano non pochi problemi. Hp ha cercato di risolvere il problema con il Sistema 441, destinato al mercato sudafricano, che prevede quattro tastiere e quattro mouse in modo da far usare un unico computer da quattro persone diverse. Oltre a diminuire i costi per gli acquirenti, un simile sistema consente, per esempio, di adottare tastiere e sistemi di scrittura di diversi alfabeti. In una recente dichiarazione, Steve Ballmer, ceo di Microsoft, si è detto ottimista per le potenzialità che il mercato ancora offre. E se ci sono voluti vent’anni per arrivare ai 600 milioni di computer attuali, Ballmer è certo che si possa arrivare in breve tempo al miliardo. Puntando proprio sui paesi emergenti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore