Un Phantom si aggira fra le soluzioni di sicurezza di Ibm

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

I nuovi annunci firmati Big Blue consentiranno alle aziende miglioramenti nella messa in sicurezza di informazioni, applicazioni, tecnologie informatiche e infrastrutture distribuite

Una nuova iniziativa dei laboratori di ricerca Ibm X-Force e Ibm Research, dal nome in codice Phantom, offre alle aziende un nuovo strumento per mettere in sicurezza gli ambienti server virtualizzati. Alla base di Phantom c’è un network all’avanguardia e la capacità di prevenzione dalle intrusioni in ambienti host utilizzati per proteggere a fondo ambienti virtuali e macchine. La nuova tecnologia si trova in una partizione isolata e sicura e si integra con l’hypervisor, lo strato di software gestionale che coordina le chiamate tra il sistema operativo e l’hardware.

Il progetto fa parte di un’iniziativa ad ampio raggio dedicata potenziare la sicurezza degli ambienti server virtuali e a supportare le aziende nella gestione del rischio. Non a caso Big Blue ha rilasciato un nuovo software, Ibm Tivoli Key Lifecycle Manager, che aiuta le aziende a ridurre i costi e le complessità legati alla messa in sicurezza dei dati, automatizzando la gestione delle chiavi crittografiche lungo il loro ciclo di vita al fine di garantire che i dati crittografati su dispositivi storage non vengano compromessi se rubati o persi. Ampliato anche l’I nformation Security solution portfolio attraverso la nuova Ibm Unstructured Data Security Solution, che consente di mettere in sicurezza virtualmente qualunque tipo di informazione elettronica dalla sua creazione fino alla distruzione. Ibm Tivoli Security Information and Event Manager, invece, permette di realizzare una soluzione automatizzata per la gestione della sicurezza sia relativa alle minacce in tempo reale nei data center, sia per la gestione delle policy di conformità attraverso il controllo dell’attività degli utenti e la gestione delle connessioni. La nuova versione di Ibm Tivoli Access Manager for e-business aiuta ad automatizzare la gestione delle utenze e la sicurezza delle applicazioni permettendo una migliore usabilità, scalabilità unitamente all’integrazione con una vasta gamma di software sia Ibm sia di altri vendor.

Unstructured Data Security Solution e Tivoli Security Information and Event Manager sono disponibili già da oggi. Il nuovo Tivoli Access Manager for e-business sarà disponibile nel corso del mese di aprile e Tivoli Key Lifecycle Manager sarà disponibile nel terzo trimestre di quest’anno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore