Un Sms per salvare i neonati dellAfrica del Sud dal contagio dellAids

Network

Partita una campagna della Cesvi per aiutare le popolazioni del Sudafrica e dello Zimbabwe. Con 21 euro si possono curare dieci neonati a rischio di contagio. Limpegno di Omnitel e di Rcs

Nel numero di ieri del nostro quotidiano on-line, parlavamo – nellambito della notizia sul ventesimo compleanno di Vidas, lAssociazione che si occupa dei malati terminali di cancro – anche dellAids e del flagello che costituisce attualmente in alcune regioni della Terra. Tra i Paesi più a rischio, figurano purtroppo quelli poveri del Terzo Mondo, dove le precarie condizioni di alimentazione e di igiene impediscono alle difese naturali dellorganismo di attivare i meccanismi immunitari di base. Una notizia confortante viene dalla Cesvi, unorganizzazione no-profit che opera in Africa. E stata avviata una campagna, denominata Fermiamo lAids sul nascere, che ha come scopo il fornire la cura a base di nevirapina (il nuovo ed efficace farmaco antivirale realizzato dalla pediatra italiana Claudia Gandolfi) alle donne incinte del Sudafrica e dello Zimbabwe. NellAfrica subsahariana vivono 27 dei 36 milioni di persone sieropositive che ci sono oggi nel mondo. Secondo un recente rapporto del Governo di Johannesburg, entro il 2010 saranno diversi milioni i malati che moriranno prima di compiere 40 anni. Inoltre laspettativa media di vita per le donne (che era di 54 anni nel 1999) si ridurrebbe a 37 anni (per gli uomini si prevede un anno in più). Per raccogliere i fondi necessari per tentare di arginare il drammatico fenomeno (in Africa lAids non è più una malattia epidemica, ma sta diventando una pandemia che mette a rischio la sopravvivenza stessa di intere popolazioni), Cesvi si è indirizzata sugli Sms dei cellulari, abbandonando i tradizionali canali delle banche/poste. Chi vuole aiutare lorganizzazione, può mandare uno short message dai telefonini Omnitel al seguente numero 4333 253. In tale maniera, si verserà un euro, cifra che il gestore telefonico girerà direttamente a Cesvi, senza nessuna trattenuta per sé. Oltre a essere patrocinata da Omnitel, liniziativa ha anche lappoggio di Rcs, la Casa editrice del Corriere della Sera e delle altre testate del Gruppo Rizzoli. Cesvi ha reso noto che con 21 euro (poco più del costo di due biglietti per il cinema) si possono curare dieci neonati a rischio di contagio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore