Un supercomputer alla Stazione di Bologna raddoppia i treni

Management

Grazie al supercomputer potranno passare 1200 treni che fermeranno alla Stazione di Bologna

L’ammodernamento della Stazione di Bologna passa da un supercomputer: il supercomputer sostituisce il cervellone precedente, un datato sistema di controllo elettro-meccanico. Fino alla completa messa a punto del supercomputer, in grado di gestire segnali, scambi e sensori, i ritardi saranno plausibili.

Grazie al supercomputer potrà passare il doppio dei treni che fermeranno a Bologna, 1200 treni contro gli appena 600 precedenti.

Si tratta di un Apparato Centrale Computerizzato, che ha avuto la necessità di smobilitare 300 tecnici e la chiusura della stazione per la messa a punto del sistema.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore