Un supercomputer salverà la terra?

LaptopMobility

LEarth Simulator elabora più calcoli al secondo di quante stelle ci siano nella galassia. Potrebbe aiutare gli scienziati a proteggere il nostro pianeta

tanto veloce da elaborare pi calcoli al secondo di quante siano le stelle nella nostra galassia. tanto grande da essere ospitata in un edificio che ha le misure dellhangar di un aeroplano. Calcolando 35,6 trilioni di operazioni al secondo lEarth Simulator il pi veloce supercomputer esistente al mondo, quasi cinque volte pi veloce del pi recente e pi performante supercomputer e veloce quanto i cinque maggiori supercomputer statunitensi messi insieme. Per i ricercatori giapponesi che utilizzano questo computer da 350 milioni di dollari, significa che le ricerche climatiche, con le loro complesse simulazioni e le diverse combinazioni di variabili, possono essere pi accurate di quanto siano mai state. Per la concorrenza, comunque un brusco risveglio. Persino il governo statunitense ammette che lattivazione del supercomputer nel mese di marzo ha segnato la fine del dominio americano in questo campo di alto profilo. Secondo il Dipartimento dellEnergia, lEarth Simulator ha messo gli scienziati americani in svantaggio di 10 a 100 negli studi sul clima. Ma ci sono implicazioni ancora pi profonde. Gli Stati Uniti hanno perso la loro supremazia nella ricerca scientifica sul clima recita una relazione di giugno. Poich la scienza computazionale contribuisce alla missione del Dipartimento dellEnergia per lenergia e la sicurezza nazionale, le implicazioni saranno diffuse e potenzialmente gravi. Per il momento lEarth Simulator stato utilizzato per tracciare le temperature globali dei mari, le piogge e i movimenti della crosta terrestre allo scopo di prevedere i disastri naturali per i prossimi secoli. Collocato in unarea suburbana a sud di Tokyo, il complesso di computer ha quasi 3.058 kilometri di cavi, sufficienti per coprire il tratto da New York a Las Vegas, intrecciati sotto i pavimenti per far funzionare la rete. 10675 chilometri cubici di aria sparata nelledificio ogni 10 secondi evitano il surriscaldamento del mostro. Con la sua straordinaria potenza, il computer in gradi di modellare il clima con una risoluzione di 100 volte superiore alle simulazioni precedenti, ha dichiarato Tetsuya Sato, direttore generale dellEarth Simulator Center. Costruito dalla Nec Corp., che ha sede a Tokyo, il computer gi in grado di prevedere il percorso di un tifone o uneruzione vulcanica con una notevole precisione. I terremoti sono ancora difficili da individuare e prevedere, ma gli epicentri sono stati identificati e il loro grado di gravit stato mappato per determinare quali dighe, edifici e autostrade vadano rinforzate. Ma le possibili applicazioni non si fermano qui. I ricercatori sostengono che un computer di questa potenza potrebbe tracciare landamento di una pandemia come lAids, calcolare la portata di un virus dopo un attacco bioterroristico, accelerare la scoperta di nuovi farmaci e far risparmiare milioni alla ricerca similando linterazione fra un componente chimico e il corpo umano. Il governo non comprende il valore di tutto questo si lamenta Sato. Comunque, le possibili implicazioni dellEarth Simulator non sono sfuggite allestero. Ogni qualvolta si verifica un miglioramento in termini di velocit, si apre la possibilit di una nuova scienza spiega Alan Edelman, professore di matematica applicata del MIT. Ironia vuole che Nec abbia usato una vecchia tecnologia chiamata vector processing per realizzare le sorprendenti performance dellEarth Simulator. Questa tecnologia era stata abbandonata dalla maggior parte dei costruttori e progettisti dei supecomputer statunitensi, perch valutata superata e troppo costosa. Incitati dalla sfida giapponese, il governo degli Stati Uniti sta facendo affluire fondi per partecipare alla corsa tecnologica. IBM, finanziata dal governo con un contratto da 290 milioni di dollari per la costruzione di due nuovi supercomputer, dichiara che riguadagner il primo posto nel 2004 con una macchina da 100 teraflop che sar allincirca 3 volte pi veloce dellEarth Simulator. Cray ha ottenuto un contratto da 90 milioni di dollari per costruire un supercomputer destinato alle simulazioni delle armi nucleari al Sandia National Laboratory, a partire dal 2004. Per il 2010, invece, ha accettato la sfida del governo di creare un computer che sar misurato in petaflop – 1000 trilioni di calcoli al secondo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore