Un trio di Motorola Droid Razr nell’era di Google

AccessoriMarketingMobile OsMobilityWorkspace
Motorola Droid Razr HD e Maxx HD

I nuovi Droid Razr sono tre: Droid Razr HD, Droid Razr Maxx HD con batteria extra, e il compatto Droid Razr M di fascia media. Segni particolari: LTE, lunga durata della batteria, massima integrazione di Android

Motorola Mobility, rinata sotto il segno di Android, un anno dopo l’acquisizione da 12,5 miliardi di dollari da parte di Google, torna in pista in un evento a  New York con un trio di smartphone realizzati sotto la guida di Google. Alla guida di Motorola c’è Dennis Woodside, ex dirigente di Google. I nuovi Droid Razr sono tre: Droid Razr HD, Droid Razr Maxx HD con batteria extra, e il compatto Droid Razr M di fascia media. Negli USA sono venduti su rete 4G di Verizon Wireless.

I nuovi Droid Razr scommetto nella tecnologia 4G LTE, in una più lunga durata della batteria e in un’integrazione massima e puntuale di Android. Il design di Razr HD è lo stesso dei predecessori Droid Razr: profilo molto sottile e retro nel resistente Kevlar. Maxx HD è solo un po’ più spesso per alloggiare la più ampia batteria. Razr HD e Maxx HD montano uno schermo da 4.7 pollici in alta definizione da 720p HD con risoluzione da 1280 x 768: ma le dimensioni permettono di tenerlo in un taschino. Dotato di chip dual-core Qualcomm Snapdragon S4 da 1.5GHz, con 1GB di RAM, il Razr HD arriva in versione da 16GB espandibile con micro SD card. La batteria è da 2.500 mAh: assicura 16 ore di conversazione o 24 ore di uso misto. RAZR MAXX HD è disponibbile anche in versione da 32GB. Entrambi vantano una fotocamera da 8 Megapixel in grado di effettuare video da 1080p HD. Saranno tutti e due equipaggiati con Android 4.0 (Ice Cream Sandwich) con upgrade ad Android 4.1 (Jelly Bean) entro fine anno. Il Maxx HD si distingue per la maxi batteria da 3,300 mAh che promette 21 ore di conversazione, 27 ore di streaming musicale, 10 ore di streaming video, o 32 ore di “uso misto”.

Motorola ha archiviato l’ultimo trimestre con 233 milioni di dollari di perdite (rosso per 86 milioni nel secondo trimestre) e con un miliardo di dollari di fatturato. Alle critiche di Gartner di chi teme favoritismi verso Motorola rispetto ad altri vendor di terze parti, Google ribadisce di essere un partner neutrale. Se il prossimo Nexus sarà realizzato da Motorola o no, sarà un “caso”: perché Google non farà alcun favoritismo nei confronti di Motorola,, che viene trattato come un partner qualsiasi. Il primo Nexus è stato di HTC, l’ultimo di Samsung, il prossimo chissà: Motorola è sotto esame come tutti gli altri partner Android.

Motorola Droid Razr HD e Maxx HD
Motorola Droid Razr HD e Maxx HD, i nuovi Motorola nell’era di Google 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore