Una capsula del tempo contro l’obsolescenza digitale

CloudMarketingServerWorkspace

Per mantenere viva la memoria digitale,ora ci pensa la capsula del tempo con il “genoma digitale”, custodito in un bunker segreto nelle Alpi svizzere

Gli archivisti di tutto il mondo temono l’obsolescenza digitale. L’archiviazione su carta temeva l’erosione del tempo, le muffe e i topi di biblioteca. Ma lo storage digitale teme altri rischi: l’archiviazione su formato obsoleti non riconoscibili dalle macchine del futuro. Paradossalmente la carta dura millenni, ma il digitale può risultare inaccessibile dopo soli pochi decenni (basta pensare ai Floppy): “I diari di Einstein si possono prendere da uno scaffale e leggere ancor oggi. In futuro, tra 50 anni la maggior parte degli appunti di Stephen Hawking saranno probabilmente archiviati in digitale e potremmo non essere in grado di accedervi”, spiega Adam Farquhar della British Library.

Sedici biblioteche, archivi e istituzioni di ricerca europei si sono riuniti nel progetto quadriennale da 15 milioni di euro, noto come Planets, per conservare i contenuti digitali mondiali, mentre il ciclo di vita delle tecnologie si accorcia in quanto l’aggiornamento di hardware e software è frenetico.

“La capsula del tempo depositata nella Fort Knox svizzera contiene l’equivalente digitale del codice genetico di diversi formati di dati, un ‘genoma digitale'”, dice Farquhar. “Non posso nemmeno più leggere la mia tesi a parte un estratto stampato, perchè non avevamo nulla come questo quando l’ho scritta”, ha raccontato.

Ogni singolo individuo del pianeta crea 100 Gb di dati, l’equivalente di 24 tonnellate di libri: pari a oltre mille miliardi di cd. Cd e dvd durano appena 20 anni, mentre per altri formati si abbassa dai cinque ai sette anni. Per l’hardware anche meno.

Per mantenere viva la memoria digitale,ora ci pensa la capsula del tempo con il “genoma digitale”, custodito in un bunker segreto nelle Alpi svizzere.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore