Una gigantesca stampante dà spettacolo.

Stampanti e perifericheWorkspace

Due ricercatori svizzeri hanno creato quella che potrebbe essere la più grande stampante portatile ad inchiostro del mondo.

Battezzata Hektor, la stampante realizzata da Jürg Lehni e Uli Franke converte piccole immagini elaborate al computer in enormi facsimile che ricrea con latte di pittura spray. La macchina può essere montata su qualsiasi muro e la latta di spray al suo interno viene mossa da due pulegge controllabili indipendentemente. Hektor ha già vinto un premio al 2003 Machinista media art festival. L’idea di Hektor venne al ricercatore Jürg Lehni quando cominciò a pensare a come un artista potesse trasformare immagini elaborate al computer in qualcosa di più concreto. Voleva cercare di combinare la precisione delle immagini generate da un computer con i contorni più sfumati ottenuti con la pittura spray. Lavorando insieme a Uli Franke, amico e studente di ingegneria elettronica, Lehni ha creato Hektor. La macchina sospende un diffusore di colore utilizzando due cinghie dentate alimentate da due motori. Funzionando insieme, i due motori fanno sì che la pittura possa essere posizionata ovunque all’interno del quadrato che definiscono. La latta di spray viene tenuta in custom-made harness che controlla quando e per quanto tempo deve spargere colore sul muro di fronte. Tutte le parti della stampante riescono a stare in due valigie, in modo che sia trasportabile e adattabile a qualsiasi tipo di superficie a cui i motori possono essere attaccati. Lehni ha creato anche un programma che converte immagini create con Adobe Illustrator in file che Hektor può dipingere sui muri. Commentando la creazione di Hektor, Lehni ha spiegato che la fase più difficile è stata la progettazione dell’algoritmo che trova per la latta di colore il percorso migliore e più efficiente per tracciare e dipingere l’immagine. Ora, nel pieno delle sue potenzialità, Hektor può riprodurre quasi qualsiasi immagine in una maniera che «ovviamente non è realizzata dall’uomo». Hektor è già stata utilizzata per aiutare a creare un’opera d’arte di Cornel Windlin per una mostra tenutasi alla galleria Kunsthaus di Zurigo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore