Una rete per la Sanita italiana nel mondo

AccessoriWorkspace

La telematica viene presa in considerazione anche dal Ministero della Salute per importanti iniziative di carattere internazionale

ROMA. Si svolta a Roma dal 26 a 28 ottobre la Prima Conferenza per lIntegrazione e Promozione degli Ospedali Italiani nel Mondo, promossa dal Ministero della Salute in collaborazione con il Ministro per gli Italiani allEstero, il Ministero degli Affari esteri, il Dipartimento per lInnovazione e le Tecnologie e il Ministero dellIstruzione, Universita e Ricerca. Nel corso di tale conferenza e stato discusso e siglato il Progetto per lintegrazione e la promozione degli ospedali e centri di cura italiani nel mondo(IPOCM). Il Progetto ha lobiettivo generale di concorrere a migliorare il livello qualitativo delle prestazioni sanitarie fornite alle popolazioni locali e ai nostri concittadini residenti nei Paesi che ospitano dette strutture sanitarie (in particolare vi sono allestero 22 ospedali italiani e 20 centri di cura con assistenza italiana). Importante intesa raggiunta a Roma tra i rappresentanti dei 42 ospedali italiani nel mondo e centri di cura con assistenza italiana nel mondo. Il progetto IPOCM difatti oltre allobiettivo generale summenzionato si pone 5 obiettivi specifici particolarmente importanti che sono 1. Integrare strutturalmente e funzionalmente i nodi della rete ospedaliera in Italia e nel mondo. 2. Ridurre le criticita di tipo clinico-diagnostico e tecnico-organizzativo tra i nodi della rete. 3. Promuovere la formazione generica e specifica del personale sanitario operante nei nodi della rete. 4. Favorire lattuazione di gemellaggi tra ospedali e centri di cura allestero e centri di eccellenza nazionali selezionati su tematiche di mutuo interesse. 5. Acquisire una migliore conoscenza dei fabbisogni di salute dei connazionali allestero e delle popolazioni locali per lo sviluppo di politiche programmatorie e di cooperazione adeguate. Il progetto prevede la realizzazione di specifici presupposti strutturali, come ad esempio la rete telematica, nel corso del 2003, una fase di roll-out nel 2004, e la completa attuazione delle proprie macro-attivita per la fine del 2005. Da quel momento in poi esso dovrebbe entrare a regime. Grazie alla realizzazione di una rete telematica di collegamento sara, quindi, possibile attuare in concreto la c.d. Telemedicina che si sostanzia nella trasmissione in tempo reale di informazioni a carattere scientifico tra medico e cittadino o tra addetti ai lavori, attraverso sistemi di comunicazione di tipo telematico/informatico. Accanto ad iniziative piu specialistiche nello specifico settore della Telemedicina, il Ministero della Salute ha di recente avviato importanti progetti di carattere telematico come quello per lintegrazione dei Centri di Eccellenza sul territorio nazionale, in attuazione dellobiettivo n 6 del Piano Sanitario Nazionale 2002-2004 ed il programma nazionale di formazione continua in Medicina, destinato ai medici italiani (ECM). [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore