Un’esca per catturare i virus

Aziende

Innovativo approccio alla sicurezza messo a punto da Ibm

Utilizza l’antico strumento della furbizia Billy Goat, il nuovo tool per il rilevamento delle intrusioni sviluppato da Ibm (www.ibm.com), grazie agli sviluppatori del team formato da Ibm Research e Ibm Business Consulting Services. Per individuare virus e worm, in particolare quelli cosiddetti a propagazione autonoma che si inseriscono in un server e da questo infettano tutta la rete, il sistema di intrusion detection crea un ambiente virtuale di macchine e servizi, fungendo in questo modo da “esca”per gli attacchi. Una volta individuato il programma pericoloso il sistema provvede a rintracciare e isolare il server di origine, bloccando sul nascere l’infezione e evitando dannosi blocchi dell’intera rete aziendale. I pericoli per i network aziendali che derivano da attacchi virus aumentano ogni giorno non solo come numero, ma soprattutto in relazione alla velocità di propagazione e alla gravità dei danni che provocano.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore