Uno spettro si aggira per la rete

Workspace

LIcann avvisa anche un singolo hacker senza troppa esperienza, potrebbe mettere in ginocchio rilevanti porzioni di Internet

Nel suo incontro annuale, che si è tenuto questa settimana, lInternet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann) ha espresso la sua preoccupazione per un noto problema esistente nella gestione globale dei domain name server. Lintero traffico della rete è gestito da 13 DNS principali, localizzati in USA, Regno Unito, Svezia e Giappone. Tutti questi server utilizzano un software, Bind, di cui sono note alcune importanti vulnerabilità. Sfruttando le debolezze di Bind, chiunque potrebbe portare attacchi che scollegherebbero, anche temporaneamente, importanti porzioni di Internet. LInternet Engineering Task Force (IETF) RFC aveva rilasciato lo scorso anno un avvertimento, invitando i gestori dei Dns principali a correggere i propri sistemi. Purtroppo ancora i bachi di Bind non sono stati corretti. Secondo lIcann, i tragici attentati dell11 settembre e la delicata situazione internazionale sono un ulteriore stimolo alla soluzione di questo grave problema. Purtroppo però; lIcann non ha alcuna autorità su chi controlla i Dns principali, e deve limitarsi a un ruolo di consulenza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore