Uno step in più per Amd con Athlon 2600+

LaptopMobility

Amd Athlon Xp 2600+ Amd ha annunciato la disponibilità delle nuove Cpu. Non si tratta però solamente di un incremento di clock, ma di una diversa versione del nucleo del processore

Anche se stato presentato pochi mesi fa, per lesattezza a giugno, il nucleo Thoroughbred dei processori Amd Athlon Xp, costruito con un processo a 0,13 micron, ha gi subito dei cambiamenti. Lintroduzione dellAthlon Xp 2600+ e del 2004+ infatti non legata esclusivamente a un affinamento del processo produttivo, che ha consentito di ottenere qualche MHz in pi, ma introduce anche diverse variazioni, come per esempio larea del silicio utilizzata e il numero di componenti. La documentazione tecnica di Amd fa riferimento a due versioni di Athlon Xp costruite con tecnologia 0,13 micron, rispettivamente siglate con il numero 680 e 681. Le versioni 680 sono quelle presentate lo scorso 10 giugno, in occasione dellannuncio dellAthlon Xp 2200+, con unarea del nucleo di silicio di 80 mm2 e con 37,2 milioni di transistor. I modelli 681 sono invece costruiti con 37,6 milioni di transistor e hanno un nucleo di silicio con unarea di 84 mm2. A questo gruppo non appartengono solamente le versioni 2600+ e 2400+, ma, stando al datasheet, anche le nuove 2200+ e 2000+. Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche, se la tensione di alimentazione del nucleo rimasta praticamente la stessa (1,65 V), lassorbimento di corrente aumentato leggermente nei modelli 681, ma le ottimizzazioni introdotte hanno consentito di ridurre la potenza termica dissipata. In pratica il Thermal Power dellAthlon 2600+ (68,3 W massimi) molto vicino a quello della prima versione dellAthlon Xp 2200+ (67,9 W massimi). Unaltra novit costruttiva del chip consiste nellaggiunta di un ulteriore layer di interconnessione, il cui numero passa cos a nove, sempre in rame. La frequenza operativa dellAthlon Xp 2600+ di 2.133 MHz, con una variazione quindi nel calcolo del model number. Per i modelli precedenti, infatti, a fronte di un incremento di 66 MHz della frequenza effettiva di clock cera una variazione di 100 nella sigla della Cpu, sino ad arrivare a 1.800 MHz per lAthlon Xp 2200+. LAthlon 2400+ invece funziona a 2 GHz (anzich 1.866 MHz) e il 2600+ a 133 MHz in pi. Non cambiata, invece, la quantit di memoria cache al secondo livello (256 Kbyte) che previsto raddoppi nei prossimi processori Amd (quello noto, per ora, con il nome in codice Barton). Per i test abbiamo utilizzato un sistema costruito con una scheda madre Epox EP-8K3A+, 512 Mbyte di memoria Ddr Pc2700, una scheda grafica Leadtek con Gpu GeForce 4 Ti 4400 128 Mbyte di memoria Ddr. Per capire quali siano i miglioramenti indotti dai cambiamenti del nucleo, abbiamo eseguito gli stessi test usando, sulla stessa piattaforma, anche una Cpu Athlon 2000+, basata sulla precedente versione del Thoroughbred. La differenza di performance dichiarata da Amd per applicazioni desktop tra un Athlon 2600+ e 2000+ del 14%. I risultati dei benchmark Sysmark 2002, eseguiti con Windows Xp Professional, confermano sostanzialmente questo incremento di prestazioni. In dettaglio, le differenze maggiori sono state registrate per la sezione Internet Content Creation, dove il divario di circa il 19%. Le variazioni scendono invece al 9% nella sezione dedicata allOffice Productivity. Molto pi marcate sono state, invece, le differenze di prestazioni con i test per la grafica. La variazione registrata con i test 3Dmark 2001 SE stata infatti del 32%. Tirando le somme, lintroduzione della nuova versione del Thoroughbred permette ad Amd di competere molto meglio con Intel, ma i prossimi passaggi al nucleo Barton e ai processori Hammer a 64 bit costituiranno un salto molto pi rilevante. Parlare di prezzi non ha molto senso, visto che le cifre dichiarate da Amd si riferiscono a lotti di 1.000 Cpu, ma interessante notare come il processore pi vantaggioso sembri essere il 2400+ che costa 193 dollari, contro i 297 dollari del 2600+ un divario decisamente notevole.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore