Un’unica esperienza Windows, dal Mobile al desktop

AziendeManagementSistemi OperativiWorkspace
Windows Phone 8 sui Blackberry?

Windows Phone 8 è una piattaforma mobile che aumenta la compatibilità fra Windows Phone e Windows 8, per venire incontro agli sviluppatori di apps. Questione di kernel

Nel giro di 48 ore Microsoft, fino all’altro ieri sinonimo di desktop, ha rinnovato a 360 gradi la sua strategia: nel Social, ha acquisito Yammer, una rete sociale verticale per aziende da integrare in Office; nel Mobile, prima ha sfoderato Surface tablet (con Windows RT, l’app di Office e la tastiera magnetica) e il Surface con Windows 8 Pro (un ultrabook con Office e USB 3.0), e poi ha aggiornato la piattaforma Windows Phone 8, nome in codice Apollo, che arriverà in autunno e sbarcherà sui prossimi modelli di smartphone, dai Nokia Lumia ai prodotti degli altri partner, a partire da Huawei che ha appena annunciato che realizzerà smartphone con Apollo, investendo 200 milioni di dollari nella campagna pubblicitaria per il brand. Microsoft rilancia nel mercato Mobile, con un tablet suo (che servirà a far conoscere Windows 8 e RT) e con un’evoluzione di Windows Phone all’insegna di una maggiore integrazione con Windows 8. Il filo conduttore? È  Windows. Microsoft vuole offrire un’unica esperienza Windows, dal Mobile al desktop.

La multipiattaforma è costosa, aggiunge complessità ed allunga i tempi in cui gli svciluppatori devono realizzare apps (per la produttività e l’ufficio) e giochi (per l’intrattenimento consumer). È per questo motivo che Microsoft ha voluto sparigliare le carte, presentando Windows Phone 8, una piattaforma che aumenta ed intensifica la compatibilità fra Windows Phone e Windows 8. Il punto essenziale consiste nel kernel condiviso: visto che il kernel rappresenta il ponte fra l’hardware e il software, agli sviluppatori farà piacere sapere che adesso Windows Phone non gira più su Windows Embedded Compact, bensì su Windows. Un passo avanti su cui va messa enfasi.

Il codice nativo permette alle apps di girare sui dsispositivi, utilizzando il linguaggio C e il C++. Microsoft vuole semplificare la vita agli sviluppatori, coloro che hanno fatto la fortuna di iOS e Android, realizzando ecosistemi ricchi di apps e giochi. E lo sa Joe Belfiore, vice presidente del programma Windows phone, che punta su killer games per fine anno. La demo del gioco 3D Marble Maze è solo un esempio di quel che potrà fare Windows Phone 8. È comodo per uno sviluppatore saper di potere creare un gioco per Windows 8 e con facilità spingerlo su Windows Phone 8. Il marketplace di Windows Phone 8 ha raggiunto quota 100,000 applicazioni, ancora lontano dalle 650 mila apps di Apple App Store e dalle 500 mila apps di Android su Google Play. Anche se Microsoft deve cedere alla frammentazione (i vecchi Windows Phone potranno aggiornarsi solo alla 7.8, e non alla ottav a edizione), non importa, adesso: ciò che conta è creare un’unica esperienza Windows, da Windows Phone 8 a Windows 8, ed attirare i migliori sviluppatori di apps per arricchire l’ecosistema.

Windows Phone 8 configura la Start screen
Windows Phone 8 configura la Start screen

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore